05.Trading online: quali le prospettive per il nuovo anno?



Il primo podcast del 2019 è dedicato al mondo del trading online. Lo facciamo con Damiano Rodriguez, il founder di MIMIC, una startup che appartiene a questo settore e che si trova in una fase di crescita.

Con Damiano cerchiamo di capire cosa è successo in questi ultimi anni nel settore del trading online e delle criptovalute, i motivi della speculazione dei bitcoin e riflettiamo insieme su quali siano le prospettive future. È davvero tutto finito? Qual è il ruolo di Ethereum, la seconda criptovaluta più diffusa dopo il bitcoin? E come il mondo delle criptovalute vuole affrontare la questione ambientale, visto che la tecnologia che c’è dietro è tra le più dispendiose dal punto di vista energetico?

Una parte dell’intervista è dedicata anche alle ICO, le Initial coin offering, (in italiano, letteralmente: Offerta di moneta iniziale), una forma di investimento che si sta diffondendo ormai da qualche anno e che sembra essere la prossima next big thing di questo ambito.

La citazione di Damiano sul mondo del trading e il Sud Italia

MIMIC: semplificare il modo di fare trading online

Se parliamo di trading online con Damiano è perché lui è il founder di MIMIC, una app che lavora come interfaccia per chi decide di comprare e vendere criptovalute online. La mission di MIMIC è quella di semplificare il lavoro di chi decide di investire online su vari mercati e con diverse valute. Lo scopo di MIMIC è quello di centralizzare il controllo dell’investitore sul proprio smartphone, senza intervenire direttamente sui conti e gli account di chi si occupa di trading. Questa startup si muove per ovvie ragioni tra la Svizzera e l’Italia e si trova in una fase di crescita: è infatti alla ricerca di nuovi investitori e advisor per far crescere il proprio fatturato e aumentare il proprio raggio di azione.


Iscriviti a Satispay con il codice promo STARTMEUP e ottieni 5 euro sul tuo account! Per info e dettagli, clicca qui.

Fai la tua donazione a Start Me Up su Patreon o Satispay.

Commenta questo podcast sul gruppo facebook di Start Me Up.

La foto di copertina è di M. B. M. vista su Unsplash

04. Imparare facendo startup – #falliscimeglio



C’è un aspetto del primo ecosistema startup (quello dei primi anni 10) italiano che sembra essersi perso: ed è la formazione. In quel periodo, per invogliare i ragazzi a buttarsi a capofitto in una impresa che avrebbe potuto regalare loro gioie e (forse) ricchezza, veniva detto che se avessero intrapreso questa strada – in ogni caso – avrebbero imparato cose che altrimenti non avrebbero mai saputo. È uno degli aspetti che vengono fuori più prepotentemente da questo primo appuntamento stagionale di #falliscimeglio, lo spin-off di Start Me Up dedicato al buono del fallimento.

Ripercorriamo insieme la storia di Zenfeed

La startup protagonista di questo podcast è Zenfeed, un news reader tutto italiano che per un attimo si è trovato a competere con i colossi del web. A ripercorrere per noi la storia è Giuseppe Silvano, CEO e founder, che ha immaginato questo servizio partendo da una sua necessità e ha deciso di portare una sua soluzione (lui è uno sviluppatore) allo Startup Weekend Bari del 2012, senza immaginare cosa sarebbe successo da lì in poi.

la citazione di Giuseppe sul fatto di imparare facendo startup

Ha imparato tanto dal mondo startup, è questa la frase che sentirete più spesso se deciderete di ascoltare questo podcast in cui passiamo in rassegna i momenti salienti di questa startup che – per certi versi – ha tutte le caratteristiche e i sogni di una azienda nata in quel periodo, da una semplice idea e che ha saputo sfruttare tutte le occasioni che le sono capitate e che si è – giustamente – guadagnata. L’obiettivo era quello di conquistare il mercato anche se – giorno dopo giorno – diventava sempre più difficile.

Imparare facendo impresa, anche grazie all’ecosistema Startup

Ma la storia di Zenfeed ci insegna che niente, in una esperienza simile, è inutile. Tutte le frustrazioni, le gioie, i traguardi, hanno consegnato ai founder (che sono rimasti gli stessi dallo startup weekend di Bari in cui l’idea aveva preso forma per la prima volta) un bagaglio di conoscenze che hanno giocato un ruolo decisivo nella carriera di ciascuno. Hanno imparato, e non solo dal fallimento, da ogni singolo passo che Zenfeed ha fatto. Per questo motivo è stato naturale pensare di concentrare tutte le esperienze e le tracce di questa storia in un tumblr dove chiunque ha accesso ai documenti di questa startup. È il giveback che questi ragazzi hanno voluto lasciare a chi vorrà imparare facendo startup così come è capitato a loro. Il fallimento? Non è certo qualcosa di piacevole, ma fa parte della storia, ed anche da quello si può imparare.

Forse ripassare la storia di Zenfeed ci è utile per questo: per rimettere a fuoco come fare startup è qualcosa che può darti un lavoro, magari la fama, ma può soprattutto insegnarti tanto. E se lo condividi, impariamo tutti.


Iscriviti a Satispay con il codice promo STARTMEUP e ottieni 5 euro sul tuo account! Per info e dettagli, clicca qui.

Fai la tua donazione a Start Me Up su Patreon o Satispay.

Commenta questo podcast sul gruppo facebook di Start Me Up.

Startup e Aziende a raccolta al Sud per l’Innovation matching di Capri

Anche quest’anno le startup e le aziende sono chiamate a partecipare all’Innovation Matching che si svolgerà durante il 33° Convegno di Capri dei Giovani Imprenditori di Confindustria in programma il 19 e 20 ottobre 2018 presso il Grand Hotel Quisisana.

Innovation matching di Capri: un momento di scambio tra aziende e startup

Giunto alla sua quarta edizione, la competizione, organizzata dai Giovani di Confindustria, vuole essere un momento di incontro e di scambio tra startup e aziende che hanno progetti di innovazione di prodotto con il circuito di imprenditori, investitori e partner del circuito di Confindustria.

Come si svolge l’Innovation matching di Capri

Sono due le call attive per l’Innovation matching di Capri, entrambe con scadenza il 12 ottobre, una per le aziende e l’altra per le startup. Tra tutti i candidati verranno fuori venti finalisti – dieci aziende e dieci startup – che accederanno alla seconda fase del concorso che si terrà giorno 19 ottobre 2018 presso il Grand Hotel Quisisana a Capri.

La scelta dei candidati sarà guidata seguendo il maggior fitting tra bisogno/richiesta di innovazione (espressa dalle aziende) e offerta di innovazione (proposta dalle startup) con l’obiettivo di facilitare un matching tra aziende e startup. “La volontà dei Giovani Imprenditori e la finalità della Competition – viene specificato nel regolamento – è di facilitare sin da subito la costruzione di un network e la possibilità di avviare una possibile partnership tra i partecipanti alle call”.

Per questo motivo le aziende, a seguito del matching potranno, eventualmente, selezionare una startup che abbia potenzialità per un percorso interno di mentoring e sviluppo, con la possibilità di implementarlo nei propri progetti di innovazione. Inoltre, tutte le dieci startup selezionate potranno presentarsi con un pitch di 3 minuti + 2 minuti dedicati a Q&A davanti ad una giuria qualificata per l’assegnazione dei premi in palio.

Maggiori dettagli sulla call dell’Innovation matching di Capri e i moduli di iscrizione sono su gisud.com/startup-competition. Consulta inoltre il regolamento completo della call.

Nella foto di copertina, il vincitore dell’Innovation Matching 2017, Fabio Rebecchi di Medical Droid – Cardiia.

È meglio un premio per startup o un premio da eroi?

Heroes Prize è il premio per startup promosso da Heroes, il festival dell’innovazione e del futuro. Oltre alle Startup, la competizione è aperta a imprese, persone fisiche e team informali iscritti all’evento.
Il premio per startup riconoscerà le realtà più innovative, sostenibili ed in grado di dimostrare la capacità di rispondere efficacemente alle principali sfide economiche e sociali del nostro tempo.

In palio per la prima classificata un premio finale del valore complessivo di 30.000 € . Le candidature chiudono il 30 luglio l’8 agosto.

Scopri di più sul sito di Heroes

L’Europa alla ricerca di startup tecnologiche guidate da donne

In vista di Digital4Her la Commissione Europea ha lanciato una call per le startup tecnologiche guidate dalle donne. Le 10 prescelte saranno invitate a Bruxelles per partecipare all’evento che si svolgerà il 19 giugno 2018.
In palio una serie di premi tra cui un posto alla “Mind the bridge Startup School” di San Francisco, una settimana di “soft-Landing Stay” in una città scelta in base al tipo di ecosistema più utile alla startup per poter crescere, una sessione presso il programma Nordic Business Angel, due biglietti per “PODIM Conference 2019” e altrettanti due per “Tech Startup Day 2019” e infine un biglietto per Europass, uno dei migliori eventi dedicati all’innovazione a livello europeo.

La call di digital4her per startup donne

Per partecipare, le startup dovranno essere di proprietà o in co-proprietà di donne, essere registrate in uno dei paesi europei e avere un impatto innovativo in ambito digitale (IoT, fintech, HPC, blockchain, AI, cyber-security, e-health). Per inviare la propria candidatura c’è tempo fino al 29 maggio 2018 e in caso di vittoria gli organizzatori copriranno le spese di trasporto e di alloggio.

Scopri di più sulla call

Cosa è Digital4Her

digital4her l'evento per startup donne

Digital4Her è l’evento di un giorno nato per promuovere e valorizzare il ruolo delle donne nel campo dell’impresa in campo digitale. Enti pubblici e privati, rappresentanti del mondo del non profit provenienti dai vari paesi europei si incontreranno per discutere su come promuovere le competenze digitali tra le donne in Europa, incoraggiare l’imprenditorialità femminile e combattere gli stereotipi di genere nei media.

Scopri di più su Digital4Her

Ottimizzare la SEO del proprio sito web non è più un problema

SEO Tester Online è la web suite pensata per aiutare blogger, consulenti SEO, aziende e web agency a monitorare e migliorare la visibilità organica del proprio sito o di quello dei propri clienti sul web, grazie a strumenti innovativi per la SEO e il web marketing. Forse lo ricorderete perché due anni fa abbiamo ospitato uno dei suoi founder, Vittorio Urzì, durante le fasi iniziali di questa avventura.

Player Seo Tester Online - podcast 28 - 31 marzo 2016

Clicca per ascoltare il podcast (min. 7 in poi)

Nuova versione, nuove funzioni

Da qualche giorno Seo Tester Online è tutto nuovo: la suite è composta da 4 strumenti per la SEO e il web marketing. La piattaforma, totalmente web-based, permette di conservare ogni dato online, azzerando così l’impatto sull’Hard Disk degli utenti. Le funzioni offerte da Seo tester online sono:

  • SEO Checker

    Il tool per l’analisi SEO online di una pagina web. Un vero e proprio check-up SEO pensato per analizzare ogni aspetto della corretta ottimizzazione di una pagina web. Uno strumento capace anche di suggerire soluzioni e consigli per la risoluzione delle criticità riscontrate (è quello che usiamo anche noi di Start Me Up).

  • Keyword Explorer

    Lo strumento per confrontare parole chiave che vi aiuterà a individuare gli intenti di ricerca dei vostri utenti prima di ottimizzare una pagina web, un articolo per un blog aziendale o personale o una scheda prodotto per un e-commerce.

  • SEO Spider

    Lo strumento più efficace per effettuare un SEO Audit online. Permette di effettuare l’analisi completa di un sito web di qualunque dimensione ad una velocità sorprendente e con estrema semplicità.

  • SEO Editor

    L’assistente editoriale per scrivere contenuti ottimizzati. Un editor di testo potenziato grazie ad algoritmi di controllo sui parametri SEO e dotato di un sistema di analisi per un costante monitoraggio delle parole chiave e dello stato dell’ottimizzazione. Uno strumento per il content marketing pensato per chi vuole scrivere in un’ottica “SEO-copywriting”.

Team di Seo Tester Online

Il Team di Seo Tester Online

SEO Tester Online non è solo analisi SEO di un sito web

Dire che SEO Tester Online è una piattaforma di analisi SEO è davvero riduttivo! SEO Tester Online è progettato per spingersi oltre l’analisi di dati, con una vocazione al suggerimento proattivo di soluzioni e best practices contestualizzate rispetto alle criticità individuate in fase di analisi. Un vero e proprio supporto nello sviluppo della strategia di ottimizzazione che chi si occupa di business dovrebbe avere per il proprio sito web. SEO Tester Online permette a chiunque di concentrarsi solo sui dati e sulle informazioni che contano. Perché non provarlo già ora?

Foto di copertina: Olloweb Solutions vista su Unsplash

Formi gli innovatori del domani? La Regione Puglia cerca proprio te!

È stato pubblicato qualche giorno fa l’avviso relativo alla “Selezione Factory”, primo passo di “Estrazione dei Talenti”, il progetto della Regione Puglia che attraverso l’ARTI – Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione – intende potenziare le competenze di aspiranti imprenditori, in modo che le loro startup abbiano maggiori possibilità di successo.

Il primo tentativo italiano su iniziativa del pubblico rivolto all’accelerazione d’impresa.

“Estrazione dei Talenti” finanzierà percorsi personalizzati di accompagnamento alla creazione d’impresa rivolti a team di aspiranti imprenditori innovativi nell’ambito delle aree prioritarie di innovazione, per un valore complessivo di 10 milioni di euro per un triennio. Sono percorsi di accompagnamento imprenditoriale che ad oggi, di norma, vengono offerti sul mercato da parte di soggetti privati.

Cosa cerca al momento la Regione Puglia

La Regione Puglia cerca “factory”, cioè gruppi di soggetti esperti, pubblici e privati, nazionali e internazionali, che propongano e realizzino programmi di accompagnamento personalizzato e accelerazione dei team di aspiranti imprenditori innovativi, nell’ambito delle aree prioritarie di innovazione della Strategia di specializzazione intelligente pugliese:

  • manifattura sostenibile;
  • salute dell’uomo e dell’ambiente;
  • comunità digitali, creative e inclusive.

La regione puglia alla ricerca dei formatori

Chi può candidarsi?

Le selezioni per “Factory” sono aperte a diverse tipologie di raggruppamenti:

  • incubatori, acceleratori d’impresa e investitori;
  • enti pubblici di ricerca e università, associazioni imprenditoriali, distretti produttivi e tecnologici;
  • parchi scientifici e tecnologici;
  • camere di commercio;
  • imprese anche in forma associata;
  • laboratori e centri di ricerca pubblico-privati;
  • scuole superiori; ITS;
  • organismi formativi, associazioni di promozione della cultura d’impresa.

E come si fa?

Tutte le procedure saranno gestite esclusivamente in via telematica, mentre la documentazione sarà prodotta solo in formato digitale. Per partecipare alla selezione, ogni factory dovrà collegarsi al portale estrazionedeitalenti.arti.puglia.it e presentare un programma degli interventi, articolato in servizi di accompagnamento e accelerazione di impresa.
Le domande di partecipazione con i relativi programmi di interventi dovranno essere trasmesse esclusivamente attraverso procedura telematica entro il 18 luglio 2018.
Le Factory selezionate sulla base del programma degli interventi presentato da un Nucleo di Valutazione dovranno costituire la propria sede legale e operativa in Puglia.

La ricerca viene fatta anche su “strada”

La ricerca delle Factory sta proseguendo anche attraverso un roadshow, partito da Palermo il 2 maggio, per toccare altre sei città italiane: Bologna, Pisa, Milano, Verona, Napoli e Roma. In ogni tappa, l’ARTI incontra i soggetti interessati a diventare parte attiva nel processo di valorizzazione delle idee imprenditoriali, illustrando l’iniziativa e offrendo loro un’occasione di networking per trovare i partner giusti con cui partecipare alla selezione. Vedi tutte le tappe del roadshow.

Cosa prevede la fase successiva di “Estrazione dei Talenti”?

Successivamente, con un secondo avviso pubblico, saranno raccolte le candidature dei team. Gli aspiranti imprenditori che saranno selezionati usufruiranno del percorso di servizi prescelto, che avrà una durata massima di 300 ore.

Per tutte le atre informazioni estrazionedeitalenti.arti.puglia.it.

Foto di copertina di Ricardo Rocha vista su Unsplash

26. Crederci, voce del verbo startup



Facciamo un salto a Milano ma solo perché l’ospite dell’ultimo appuntamento di Startup Grind Napoli arriva da lì. Stiamo parlando di Marianna Poletti, fondatrice e CEO di Just Knock, startup che affronta il tema del recruiting in modo innovativo: assumere il personale non in base al proprio curriculum ma in base all’apporto che il dipendente può dare all’azienda in termini di progetti e soluzioni. Un approccio che sta dando i suoi frutti visto che in questi anni numerose multinazionali stanno adottando il metodo Just Knock (e Marianna ci fa anche qualche esempio).
Dopo aver parlato della sua idea di impresa, Marianna ci racconta il percorso che l’ha portata a creare la sua startup. E in questa sua esperienza ritroviamo l’intuizione che ha dato il via al processo creativo che l’ha portata a essere founder di Just Knock, ma anche la sua forte volontà nel voler prendere in mano la propria vita e rischiare qualcosa per un progetto in cui crede tutt’ora.

La citazione di Marianna di Just Knock

Uomo o donna, l’importante è crederci davvero.

Nell’ultima parte dell’intervista a Marianna Poletti infine non possiamo non parlare della sua esperienza di donna imprenditrice, visto che il tema dell’appuntamento di Startup Grind Napoli verteva anche su questo. Quello di Marianna è un punto di vista equilibrato. Se da una parte è innegabile dire che esistono gli strumenti per chiunque abbia intenzione di fare impresa, dall’altra è anche vero che solo il credere a sufficienza nel proprio progetto è l’unica vera spinta che ti permette di andare avanti, uomo o donna che tu sia. Un messaggio che, seppur possa apparire scontato, dovremmo ripetere più spesso.


Foto di copertina di Clark Tibbs trovata su Unsplash

Ti è piaciuto questo podcast? Scrivi una recensione su iTunes!

Ascolta la playlist con le canzoni scelte dagli ospiti di Start Me Up.

Psicologia e startup: è un connubio possibile in Italia?



In occasione della Settimana del Cervello Start Me Up dedica due podcast a questo organo fondamentale e racconta di storie e progetti che hanno a che fare con la psicologia. La prima storia che vi raccontiamo è quella di Idego, portale di psicologia digitale ideato – tra gli altri – da Simone Barbato. Simone spiega agli ascoltatori cosa si intende per psicologia digitale, quali sono le implicazioni e come il loro team lo sta interpretando.
Il discorso poi si sposta in modo più generale su come la psicologia viene percepita in Italia e soprattutto come, dal punto di vista imprenditoriale, può essere messa a frutto. Lo diciamo subito, lo stato delle cose non è roseo, però di buono c’è che qualcosa sta cambiando e il digitale ha un suo ruolo in questo processo. È lo stesso Simone a ammettere che solo un cambio culturale può portare a considerare la psicologia per quello che è: una risorsa utile non solo per curare ma soprattutto per prevenire. Da qui si possono immaginare i potenziali ambiti in cui potrebbe essere utilizzata, che potrebbero essere ulteriormente moltiplicati grazie alle nuove tecnologie. Basta guardare all’’Estero dove la psicologia ha un suo ruolo anche all’interno delle aziende e alcuni psicologi italiani iniziano a scoprirlo: o – con qualche difficoltà – mutuando lo stesso percorso all’interno del nostro paese oppure lavorando direttamente per le aziende straniere grazie al digitale.
Il fronte che Idego cerca di esplorare al momento è quello della psicologia sportiva. Anche grazie all’uso di VR sono tanti i progetti riabilitativi che questi ragazzi stanno seguendo. Un modo per differenziare l’offerta, trovare nuovi mercati, ma soprattutto ribadire che la psicologia riguarda tutti noi.

La citazione sulla psicologia di SImone di Idego

Cosa è la settimana del cervello?

La Settimana del Cervello (Brain Awareness Week) è una celebrazione fuori dal comune e dagli schemi. La sfida globale lanciata dalla Dana Alliance for Brain Initiatives dà l’opportunità di concentrare l’attenzione sulle scienze del cervello e sull’importanza della ricerca in questo ambito.

In Italia la Settimana del Cervello è promossa da Hafricah.NET, portale di divulgazione neuroscientifica che da oltre dieci anni fa divulgazione dei più recenti studi del settore, attraverso la raccolta degli eventi su questo sito web.


Foto di Sebastian Mantel via Unsplash

Ti è piaciuto questo podcast? Scrivi una recensione su iTunes!

Ascolta la playlist con le canzoni scelte dagli ospiti di Start Me Up.

Startup italiane: come sono secondo chi per mestiere le aiuta a crescere?



Ci prendiamo un momento per capire meglio cosa sta succedendo nel panorama nazionale delle startup italiane. E lo facciamo insieme a chi le startup le aiuta a crescere, Vincenzo Berretta. Vincenzo dopo due esperienze molto importanti in Merloni e Luxottica decide di tornare a Caltagirone (CT) e fonda Clappppp, un business elevator che aiuta chi vuole fare impresa a emergere nel migliore dei modi. Abbiamo scelto di discutere con Vincenzo di questo argomento un po’ per la sua storia – totalmente in linea con il concept che sta dietro Start Me Up – ma anche per la sua esperienza sul campo.

Citazione Vincenzo su Startup Italiane

E parlando del panorama italiano delle startup Vincenzo non le manda proprio a dire, aggiungendo un punto di vista originale su alcuni dei temi principali e “caldi” del momento. Sugli investimenti, ma anche sul concetto stesso di startup, Vincenzo ha un’idea precisa che si discosta non poco da un pensiero, se vogliamo, modaiolo. E naturalmente, non può che trovarci d’accordo.
In più Vincenzo ci presenta una sua personale ricetta per accrescere le competenze e la ricchezza stessa dell’intero panorama nazionale delle startup italiane.

Nel podcast viene dato spazio anche alla sua esperienza di Vincenzo in Clappppp, il suo modo di lavorare, i passi che lo hanno spinto a arrivare a Calatagirone e una vita ora divisa tra la Sicilia e Milano. Ci spiega anche perché ha messo cinque p nel nome della sua azienda e su questo non ci sentiamo proprio di spoilerare nulla. Buon ascolto!


Foto di Helena Lopes via Unsplash

Ti è piaciuto questo podcast? Scrivi una recensione su iTunes!

Ascolta la playlist con le canzoni scelte dagli ospiti di Start Me Up.