Crescere tra le app della salute: il caso studio di maggio è Healthy Virtuoso

Due anni fa ospitammo Lorenzo Asuni di Healthy Virtuoso. Era passato qualche giorno dalla vittoria del premio Marzotto. Giovedì 21 maggio alle ore 17 Lorenzo è tornato come protagonista di Casi Studio. Healthy Virtuoso nel frattempo ha raccolto in tre round più di 700k € di investimento ed è sbarcato anche in UK. Come ha fatto? Lo ha raccontato ai sostenitori di Start Me Up nell’appuntamento di Casi Studio di maggio.

Fai la tua donazione e vedi il “Caso Studio” di Healthy Virtuoso

Healthy Virtuoso premia il tuo stile di vita. Attraverso una app e senza utilizzare GPS e senza tracciare direttamente nessuna attività fisica. Il sistema si basa unicamente sui dati che arrivano da Google Fit (Android) e app Salute (iOS). Virtuoso ha permesso a tante persone di essere più consapevoli. Consapevoli dell’importanza del proprio stato di salute e di un corretto stile di vita. Insieme a Lorenzo abbiamo analizzato i momenti chiave che hanno permesso e all’intero team di ritagliarsi un posto all’interno delle app della salute.

Copertina del caso studio di maggio: app della salute Healthy Virtuoso

Anche a maggio grazie a Casi Studio puoi scoprire le strategie che hanno permesso alle startup di successo di crescere. Mese dopo mese, i founder di alcune tra le migliori startup del Sud Italia stanno raccontato ai membri della community di Start Me Up le mosse e le strategie che hanno permesso ai loro progetti di portare valore a sempre più persone. Dona almeno 15$: non perderai l’appuntamento di questo mese e avrai accesso all’archivio dei Casi Studio passati.

Fai la tua donazione e accedi all’archivio di “Casi Studio”

Foto di Stephen Frank via Unsplash.

Antisocial: comunicare senza usare i social network

A maggio la comunicazione è tornata protagonista del web café. Insieme a Andrea Ciraolo di Passione Podcast abbiamo cercato di capire come si può portare avanti un proprio progetto online e comunicarlo senza utilizzare i social network. L’evento è riservato alle due community Patreon che sostengono i rispettivi progetti. Tu puoi vedere la registrazione (o ascoltare l’audio) facendo una donazione a Start Me Up.

comunica senza usare i social network

Perché comunicare senza usare i social network?

Non usare i social network potrebbe sembrare un controsenso per chi è alla ricerca di pubblico. Al contrario, usarli troppo crea alcune distorsioni che alla lunga possono deteriorare la comunicazione del proprio progetto. Per questo motivo con Andrea abbiamo cercato di trovare il modo per bilanciare il nostro modo di comunicare, smarcandoci da quei meccanismi “social” che spesso hanno un effetto boomerang sul nostro prodotto.

La donazione ti dà diritto a vedere anche gli altri web café e partecipare ai prossimi. Scopri tutte le tematiche che abbiamo trattato fino a qui e unisciti adesso alla community di Start Me Up!

Entra nella community e accedi ai contenuti riservati

Chi è Andrea Ciraolo?

Andrea Ciraolo è l’autore del podcast Passione Podcast, il podcast che ti insegna a creare il tuo podcast, dove Andrea sbaglia al posto tuo! Andrea usa poco i social network per comunicare i suoi progetti: nonostante ciò riesce a raggiungere il target giusto. 

Andrea ha una laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche all’Università degli Studi di Milano-Bicocca, è un nerd, insegnante di informatica e web designer, avviato verso la professione di podcaster professionista nonché a incubatore e acceleratore di podcast.

Cos’è il web cafè?

Il web café è un webinar con un esperto del mondo dell’innovazione del Sud Italia: lo scopo è imparare un po’ di più su un determinato argomento o sviluppare in modo corretto una particolare competenza. Lo stile è informale e durante i web café i partecipanti contribuiscono alla realizzazione del contenuto ponendo domande prima o durante la diretta. Scopri tutti i web café realizzati fino a ora e tutto quello che puoi avere entrando a far parte della Community Telegram di Start me Up.

La foto di copertina è di Prateek Katyal via Unsplash

A cosa serve l’innovazione?

Il covid-19 sta mettendo in luce una serie di criticità con cui fino a ora non avevamo fatto i conti. Una su tutti: l’innovazione? Qual è il suo ruolo? A cosa serve? Fino ad oggi cosa ne abbiamo fatto? Fabio, in questo nuovo appuntamento di “Spam – è tutto grasso che cola” parte da un articolo parecchio critico nei confronti della Silicon Valley per arrivare fino all’ecosistema Startup Italiano.

I link a cui facciamo riferimento si trova nella descrizione di questo podcast che potrete ascoltare solo se fate una offerta mensile di almeno 10$ a Start Me Up.

Spam – è tutto grasso che cola

Spam tutto grasso che cola - podcast copertina

Un podcast minimale e settimanale che si concentra su un particolare tema. Ogni lunedì Fabio parla di qualcosa che ha che fare con il mondo dell’innovazione (e anche un po’ del Sud Italia, ma non solo), solo per il gusto di parlarne.

Spam è come il grasso che, colando, dà il gusto alle cose. Ed è anche qualcosa di indesiderato, non richiesto, che arriva prepotente nelle vostre caselle mail. Sta a voi prendervi il coraggio di accettarlo e ascoltarlo.

Spam si ascolta solo tramite Patreon ed è riservato a chi dona almeno 10$ al mese.

La foto di copertina è di Octavian Rosca via Unsplash.

IoT e Intelligenza Artificiale in agricoltura: il caso studio di aprile è Evja

Più o meno tre anni fa di questo periodo pubblicavamo il podcast con l’intervista a Paolo Iasevoli di Evja. La startup campana allora si stava guadagnando un posto di tutto rispetto nel settore della agricoltura smart. Evja mette insieme infatti Internet of Things, Intelligenza Artificiale e modelli agronomici predittivi, un mix che si è rivelato vincente in questi anni perché ha permesso a questa startup di crescere, soprattutto all’Estero. Il prodotto da loro realizzato – OPI – ha trovato una buona accoglienza nel proprio target di riferimento: il settore agricolo, un target che solo apparentemente può essere considerato tradizionalista.
Venerdì 24 aprile abbiamo avuto modo di conoscere meglio il progetto e la storia che c’è dietro Evja perché Paolo Iasevoli è tornato a Start Me Up, questa volta però come protagonista di Casi Studio.

Fai la tua donazione e guarda il “Casi Studio” di aprile

I sostenitori di Start Me Up hanno perciò avuto modo di ascoltare direttamente da Paolo quali sono stati i passi e le difficoltà superate che hanno permesso a Evja di crescere e farsi conoscere in tutto il mondo. Paolo ha inoltre spiegato come Evja ha aiutato il settore dell’agricoltura a essere più intelligente e sostenibile.

Puoi guardare la registrazione di questo appuntamento di Casi Studio effettuando una donazione mensile di almeno 15$ attraverso Patreon. La donazione dà la possibilità anche di accedere alle registrazioni degli appuntamenti passati dedicati alla community Patreon di Start Me Up.

Fai la tua donazione e guarda il “Casi Studio” di aprile

Cosa fa Evja e come ha innovato il settore dell’agricoltura?

Attiva nel settore agritech, Evja unisce Internet of Things, Intelligenza Artificiale e modelli agronomici predittivi per aiutare le aziende agricole a prendere le migliori decisioni. Così è nato OPI, il sistema di supporto decisionale che permette di ottimizzare l’irrigazione e l’uso di agrofarmaci, ottenendo così un prodotto più sano, coltivato nel rispetto dell’ambiente. Negli anni questa startup si è distinta per una progettazione condivisa con il proprio target di riferimento e per l’attenzione che ha suscitato fuori dai confini italiani. Sono aspetti che verranno trattati durante l’appuntamento di aprile.

Cosa è Casi Studio?

Grazie a Casi Studio scopri le strategie dietro le startup di successo. Mese dopo mese, i founder di startup del Sud Italia racconteranno ai membri della community di Start Me Up le mosse che li hanno portati essere quello che sono.

Dona almeno 15$ e accedi all’archivio e partecipa ai prossimi appuntamenti.

1, 2, 3… cresci! (nel senso aziendale del termine)

In questo periodo di crisi tutte le aziende sono concentrate a rimanere in piedi, sopravvivere. C’è chi invece ha deciso di crescere anche se opera nel mercato del turismo e del cibo. E lo scrive su Linkedin mostrando una strategia che ruota intorno al numero 3. Noi contiamo fino a tre e ci lasciamo ispirare da chi ha fatto della crescita aziendale una regola di vita. Lo facciamo in questo nuovo podcast di “Spam – è tutto grasso che cola!”.

Il link a cui facciamo riferimento si trova nella descrizione di questo podcast che potrete ascoltare solo se fate una offerta mensile di almeno 10$ a Start Me Up.

Spam – è tutto grasso che cola

Spam tutto grasso che cola - podcast copertina

Un podcast minimale e settimanale che si concentra su un particolare tema. Ogni lunedì Fabio parla di qualcosa che ha che fare con il mondo dell’innovazione (e anche un po’ del Sud Italia, ma non solo), solo per il gusto di parlarne.

Spam è come il grasso che, colando, dà il gusto alle cose. Ed è anche qualcosa di indesiderato, non richiesto, che arriva prepotente nelle vostre caselle mail. Sta a voi prendervi il coraggio di accettarlo e ascoltarlo.

Spam si ascolta solo tramite Patreon ed è riservato a chi dona almeno 10$ al mese.

Ah… la serendipididità (o come dicono gli anglofoni: serendipity)

Cosa c’entrano i ricordi di scuola, la serendipity e un progetto di radio pirata? Non lo sapeva neanche Fabio quando ha immaginato questo nuovo episodio di SPAM – è tutto grasso che cola. Questa settimana poniamo l’attenzione su quelle cose che facciamo quasi senza senso e che, alla fine ci tornano utili. Eh, si, la serendipididità…

p.s.: il ragionamento parte da una frase detta da quel signore nella foto di copertina, via Von Paul Nadar

Spam – è tutto grasso che cola

Spam tutto grasso che cola - podcast copertina

Un podcast minimale e settimanale che si concentra su un particolare tema. Ogni lunedì Fabio parla di qualcosa che ha che fare con il mondo dell’innovazione (e anche un po’ del Sud Italia, ma non solo), solo per il gusto di parlarne.

Spam è come il grasso che, colando, dà il gusto alle cose. Ed è anche qualcosa di indesiderato, non richiesto, che arriva prepotente nelle vostre caselle mail. Sta a voi prendervi il coraggio di accettarlo e ascoltarlo.

Spam si ascolta solo tramite Patreon ed è riservato a chi dona almeno 10$ al mese.

Metodologia OKR: perché devi usarla per il tuo prossimo progetto

La metodologia OKR, un acronimo che sta per Objective and Key Results, è una delle metodologie organizzative più diffuse tra le aziende tecnologiche come Google, Linkedin, Amazon, Facebook e Spotify. Questo non significa che noi non possiamo non utilizzarla per i nostri progetti. Ci siamo fatti spiegare cosa è e come impiegarla al meglio da Marco Imperato di Product Heroes, ospite del Web Café di aprile.

Entra nella community e guarda il web café

Permettendoti di gestire le priorità, la metodologia OKR ti obbliga a usare la logica, invece che le emozioni, nei processi decisionali. Siamo nel campo della gestione dell’idea, dell’organizzazione del lavoro e di come delegare alte azioni ai propri collaboratori. Un aspetto che, come è facile immaginare, è centrale per portare a termine il proprio progetto: l’esecuzione è tutto! Durante l’appuntamento mensile dedicato ai membri della community di Start Me Up Marco Imperato ci ha aiuto a capire come gestire la metodologia OKR e come adattarla al progetto che ognuno di noi porta avanti.

Copertina del web café su metodologia OKR con Marco Imperato

Chi è Marco Imperato?

Dopo esperienze nelle vendite in Australia e nell’Advertising a Milano, Marco guida il dipartimento Prodotto e Digital Media di Mosaicoon, dal giorno della creazione fino alla chiusura, 10 anni dopo. Oggi Marco è responsabile di prodotto in Moving-up, Mentor e Coach per startup con il programma European Enterprise Network, docente al Talent Garden Innovation School in Digital product Management, fondatore di Product Heroes, la community per chi crea prodotti digitali.

Marco è stato anche ospite nel podcast pubblicato l’8 aprile scorso. Ascoltalo ora (basta cliccare sul player).

Intervista a Marco Imperato di Product Heroes

Cos’è il web cafè?

Il web café è un webinar con un esperto del mondo dell’innovazione del Sud Italia: lo scopo è imparare un po’ di più su un determinato argomento o sviluppare in modo corretto una particolare competenza. Lo stile è informale e durante i web café i partecipanti contribuiscono alla realizzazione del contenuto ponendo domande prima o durante la diretta. Scopri tutti i web café realizzati fino a ora e tutto quello che puoi avere entrando a far parte della Community Telegram di Start me Up.

Entra nella community e guarda tutti i web café

Foto di copertina di Hugo Rocha via Unsplash

Contaminati, multipotenziali o scanner: cosa sono e, soprattutto, voi di che tipo siete?

La seconda puntata di Spam – è tutto grasso che cola parte da un articolo che ci è stato segnalato all’interno del nostro gruppo Telegram. L’articolo parla di Contaminati multidisciplinari: quelle persone cioè che riescono ad eccellere in più campi. Geni? Non proprio…

Un argomento che è stato trattato da diversi autori: ognuno di loro trova un termine per definire questo tipo di persone: parliamo di contaminati, multipotenziali o scanner! Parliamo di tutto ciò nel secondo episodio di “Spam – è tutto grasso che cola” attraverso un video e due articoli segnalati nella descrizione del podcast.

Spam – è tutto grasso che cola

Spam tutto grasso che cola - podcast copertina

Un podcast minimale e settimanale che si concentra su un particolare tema. Ogni lunedì Fabio parla di qualcosa che ha che fare con il mondo dell’innovazione (e anche un po’ del Sud Italia, ma non solo), solo per il gusto di parlarne.

Spam è come il grasso che, colando, dà il gusto alle cose. Ed è anche qualcosa di indesiderato, non richiesto, che arriva prepotente nelle vostre caselle mail. Sta a voi prendervi il coraggio di accettarlo e ascoltarlo.

Spam si ascolta solo tramite Patreon ed è riservato a chi dona almeno 10$ al mese.

L’immagine di copertina è di Cypher789, CC BY-SA 3.0, via wikimedia.

Cairo vs Godin: la comunicazione al tempo del Coronavirus

Due video che ho visto su youtube. Il primo mostra Urbano Cairo che motiva i suoi agenti pubblicitari incitandoli a lavorare di più in questo periodo molto particolare. Il secondo è un’intervista a Seth Godin, che tra le altre cose parla di cosa è il marketing per lui, soprattutto in questo momento. Due modi di gestire la comunicazione al tempo del coronavirus.

Mai avremmo pensato di mettere Urbano Cairo e Seth Godin in uno stesso post. Infatti ne parla Fabio nel primo episodio di “Spam – è tutto grasso che cola”.

Spam – è tutto grasso che cola

Spam tutto grasso che cola - podcast copertina

Un podcast minimale e settimanale che si concentra su un particolare tema. Ogni lunedì Fabio parla di qualcosa che ha che fare con il mondo dell’innovazione (e anche un po’ del Sud Italia, ma non solo), solo per il gusto di parlarne.

Spam è come il grasso che, colando, dà il gusto alle cose. Ed è anche qualcosa di indesiderato, non richiesto, che arriva prepotente nelle vostre caselle mail. Sta a voi prendervi il coraggio di accettarlo e ascoltarlo.

Spam si ascolta solo tramite Patreon ed è riservato a chi dona almeno 10$ al mese.

Selezionare il target giusto – il web café con Rocco Giannino

Quando si pensa a un prodotto o un servizio è sempre bene tenere in considerazione a chi quel prodotto o servizio è destinato. È uno dei mantra del marketing, messo in evidenza anche nel Business Model Canvas, ma è un aspetto che non può essere sottovalutato, soprattutto per chi con il proprio prodotto o servizio vuole creare valore per gli altri.

Come si individua il target giusto per il proprio prodotto o servizio?

Abbiamo risposto a questa domanda durate il web café con Rocco Giannino, che puoi rivedere o riascoltare online. In 45 minuti abbiamo analizzato le fasi da affrontare quando dobbiamo selezionare il target giusto, cosa tenere in considerazione a processo avviato e quali sono i casi di successo da cui possiamo imparare.

La copertina del web café con Rocco Giannino dedicata al target

È possibile vedere il web café con Rocco Giannino solo se si entra a far parte della Community Telegram di Start Me Up.

Entra nella community e guarda il web café

Chi è Rocco Giannino?

Rocco Giannino è copywriter e marketer. Nel 2016 prende parte alla community Marketers. Scrive per passione e comunica ogni giorno con un pubblico differente, osservando, ascoltando e leggendo tutto ciò che serve per definire al meglio il tono e l’obiettivo della comunicazione stessa.

Cos’è il web cafè?

Il web café è un webinar con un esperto del mondo dell’innovazione del Sud Italia: lo scopo è imparare un po’ di più su un determinato argomento o sviluppare in modo corretto una particolare competenza. Lo stile è informale e durante i web café i partecipanti contribuiscono alla realizzazione del contenuto ponendo domande prima o durante la diretta. Scopri tutti i web café realizzati fino a ora e tutto quello che puoi avere entrando a far parte della Community Telegram di Start me Up.

La foto di copertina è di Ameer Basheer, via Unsplash