60.L’educazione che arriva dal digitale e dal metodo Montessori



È l’educazione il campo di azione di Tinkidoo e non l’insegnamento. Lo abbiamo imparato realizzando questo podcast, il sessantesimo, che vede come protagonista Sonia China, una delle fondatrici di Tinkidoo. Non è una precisazione da poco, perché il campo dell’educazione prende un territorio molto più vasto. È la stessa Sonia a spiegarlo. Tinkidoo mira a rivoluzionare il mondo dell’Educazione e per farlo ha sperimentato il metodo Montessori 2.0. Come funziona? Sonia lo illustra nell’intervista, citando naturalmente gli smart toys. Successivamente il discorso si sposta alla cultura di impresa, come andrebbe insegnata e quali sono le azioni da mettere in campo? Sonia è uno dei mentor del prossimo Startup Weekend Napoli e una sua idea ce l’ha. Infine ha trovato anche la formula matematica che serve a spiegare la cultura di impresa. Qual è? Vi basta ascoltare il podcast.

Perché ascoltare questo podcast?

  • Per conoscere la differenza tra educazione e insegnamento e di come il digitale possa sostenere il lavoro degli educatori
  • Per conoscere gli smart toys e capire il loro ruolo chiave nell’educazione

Piaciuto il podcast?

Se la risposta è si, non tenerti tutto dentro: vota e recensisci il podcast su iTunes.

Se poi non vuoi perderti neanche un podcast abbonati e ricevi i file direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui se usi iTunes, o usa il feed RSS se sei un utente Android (qui trovi una serie di player che puoi scaricare gratuitamente per sentire i podcast dal tuo smartphone).

L’immagine di copertina è presa qui

Link utili

La citazione di Sonia

La citazione di Sonia di Tinkidoo

 

Leggi la trascrizione del podcast

Finito l’asilo, comincia la scuola. Ma sempre nel bosco. Ogni mese un articolo su innovazione sociale scelto dal blog di Agoghè

Ogni mese un articolo che riguarda l’innovazione sociale, scelto dal blog di Agoghé. Un modo per allargare le vedute sul concetto di innovazione e uno stimolo per guardare il mondo con occhi diversi.

In principio fu l’asilo. Frotte di bambini in età prescolare seduti sull’erba, con fogli di carta, pastelli, giochi educativi. La location era un bosco, e il bosco era quello di Ostia Antica. L’esperimento era nato dopo aver osservato che nei paesi del Nord Europa l’asilo nel bosco era quasi una prassi, una tendenza consolidata. E poiché di boschi notevoli ne abbiamo anche in Italia, è sembrato più che naturale provarci.

Così è nato l’Asilo nel Bosco, che da Ostia ha raggiunto anche altre località italiane, fino a perdere quasi i connotati dell’esperimento, per diventare un vero e proprio metodo educativo.

La novità è che a settembre i bambini che hanno concluso il percorso della scuola materna potranno, se lo vorranno, tenere vivo il loro legame con la natura:

nascono infatti le elementari nel bosco, con una sperimentazione che coinvolge (inaspettatamente) la scuola pubblica e che porterà i piccoli alunni a studiare scienze, storia e matematica nei boschi di pinete del litorale romano.

 

Continua a leggere sul blog di Agoghé