It’s all about the budget: il web cafè di agosto!

Ci sono un sacco di giochi di parole che si possono fare con budget, soldi e agosto. Ma per invogliarvi a vedere il web cafè di questo mese non ricorreremo a mezzi di questo tipo. Sappiate solo che con noi c’è stato Giuseppe Arrigo, founder di Ardeek e co-founder di Startup Messina (per citare solo due dei progetti a cui ha dato vita) che ha parlato di come calcolare il budget perfetto per la nostra idea di impresa. E detto così sappiamo già di avervi convinto.

Di cosa parliamo quando parliamo di budget?

Se parliamo di impresa, startup ma anche solo innovazione non possiamo prescindere dal budget. I soldi servono per fare in modo che una qualsiasi idea possa stare in piedi, ma siamo sicuri che basti essere consapevoli di ciò? Per questo motivo nel corso dell’incontro abbiamo rivolto a Giuseppe alcune domande che ruotano intorno al mondo startup quando si parla di budget. La prima, la fondamentale, se vogliamo la più importante di tutte: ma per partire con una idea di impresa di quanti soldi ho bisogno? Sempre che per partire con un nuovo progetto siano necessari dei soldi (almeno all’inizio). Ci siamo interrogati anche sui vari modi in cui è possibile avere del denaro da usare per il proprio progetto e abbiamo analizzato le varie forme di finanziamento e investimento (perché sì, c’è differenza tra l’uno e l’altro).
Insomma, un web cafè che cerca come al solito di dare risposte concrete ai dubbi di chi vuole fare impresa.

link al webcafe sul budget di Giuseppe Arrigo

Chi è Giuseppe Arrigo?

Giuseppe Arrigo ci parla di budgetIT solution architect per passione, oltre che per lavoro, e da qualche anno imprenditore seriale quasi per caso. Oggi advisor presso l’incubatore Innesta del quale è cofounder, Giuseppe Arrigo ha iniziato il suo percorso professionale come consulente alla progettazione e l’integrazione di soluzioni IT. Nel 2010 è cofounder di Ardeek (società che si occupa di realizzare soluzioni web e fornire servizi IT nelle forme SaaS e PaaS con il brand keedra).
Nel 2013 contribuisce a fondare Startup Messina associazione di imprenditori e professionisti che diffonde e supporta la cultura d’impresa a Messina e provincia. Giuseppe si occupa principalmente di fattibiltà tecnologica e business validation.

Come vedere il web-cafè di Start Me Up sul budget?

I Web-cafè di Start Me Up sono dei brevi seminari (max 45 minuti) che si tengono online una volta al mese. Di volta in volta, cerchiamo di trattare con esperti del campo argomenti specifici e di interesse per chi fa innovazione e impresa. Chi partecipa ha la possibilità di porre domande, e proporre casi specifici. Un modo per veicolare conoscenza e competenze in una metodologia che non sia uno tanti (come il podcast), ma uno a uno. I web-cafè rientrano tra le ricompense di chi, mensilmente, dona almeno 15$ a Start Me Up attraverso Patreon: chi dona oggi ha accesso ai precedenti web-cafè.

Vedi il web cafè: ti basta fare una donazione

Jazz’Inn 2019 Pietrelcina: lo speciale in tre podcast di Start Me Up

Dal 28 al 31 luglio 2019 siamo stati a Pietrelcina in provincia di Benevento per raccontarvi uno degli eventi più interessanti tra quelli dedicati all’innovazione in tutto il panorama italiano.

Ci riferiamo a Jazz’Inn, il festival nato ormai 3 anni fa proprio in provincia di Benevento come ancora di salvezza per “Jazz sotto le stelle”, storica rassegna di musica jazz che si svolge da tempo nel paesino di S.Pio. Per chi non ricordasse la storia può ascoltarla nel podcast che abbiamo pubblicato un anno fa circa (ci arrivate cliccando sull’immagine che trovate di seguito).

Jazz e innovazione: concerti

Clicca sull’immagine per ascoltare il podcast “Jazz e innovazione per una storia che vale la pena raccontare”

Jazz’Inn 2019: un format “costruttivo”

I tavoli di lavoro di Jazz'Inn rappresentano la vera innovazioneIl modello di Jazz’Inn è quanto di più semplice ci possa essere: nei giorni precedenti l’evento si chiede a aziende, startup o semplici appassionati di proporre un tema e/o un problema di cui discutere. Queste richieste diventano tavoli di lavoro a cui i partecipanti decidono di iscriversi. Nel giro di due sessioni da un’ora ciascuno i partecipanti ai tavoli cercano – ognuno con il proprio punto di vista – una possibile soluzione al problema proposto. La formula funziona principalmente perché spesso al tavolo siedono persone con competenze ed esperienze diverse: le restituzioni dei vari tavoli (che avvengono alla fine di ogni giornata) rilevano il livello di creatività e di confronto che i partecipanti sperimentano in modo costruttivo. Non è infatti un modo di dire che il vero lavoro per chi partecipa a Jazz’Inn inizi proprio alla fine dell’evento. Seppur la manifestazione sia al terzo anno, si sono già registrati casi di progetti nati tra i tavoli di lavoro di Jazz’Inn, per non contare le collaborazioni nate dalla semplice connessione delle persone.

Il modello slow dell’innovazione di Ampioraggio

Il punto di forza di Ampioraggio, la fondazione che organizza Jazz’Inn è il modello slow legato al mondo dell’innovazione. Sembra un paradosso, in realtà la scelta è motivata e vincente. Motivata perché parlare di lavoro e nuovi progetti tra un bicchiere di vino e un concerto jazz è sicuramente più piacevole. Vincente perché nel corso degli anni Jazz’Inn è cresciuto in quantità e qualità. Per la prima volta quest’anno il format è stato replicato a Lagueglia, in Liguria ottenendo un buon riscontro. Inoltre, l’edizione 2019 di Pietrelcina ha potuto contare – tra gli altri – sul sostegno di Invitalia e Azimut.

Lo speciale di Start Me Up dedicato a Jazz’Inn: un racconto corale

Nel corso di Jazz’Inn Start Me Up ha pubblicato tre podcast speciali raccogliendo le voci dei protagonisti che hanno preso parte all’evento. Li abbiamo pubblicati direttamente dal posto, uno al giorno. Per comodità mettiamo il link alla fine di questo articolo: vi basterà cliccare sull’immagine per ascoltare il podcast.

Jazzinn al via con l’Invitalia day – podcast #01

È stata ridefinita Invitalia Day la prima giornata di Jazzinn 2019 che si è svolta sul Sannio Express e a Pietrelcina presso la sede di CFP RICERCHE INNOVAZIONE SRL. Si parla di Invitalia Day perché Invitalia oggi ha avuto modo di presentare alcune idee di impresa nate grazie alle misure promosse da questo ente. Ma… Leggi tutto

player podcast speciale 1

***

L’innovazione di Jazz’Inn passa tra i tavoli di lavoro – podcast #02

Secondo podcast speciale dedicato a Jazz’Inn 2019 di Pietrelcina. In poco più di trenta minuti ripercorriamo insieme il secondo giorno dell’evento, il primo in cui erano previsti i tavoli di lavoro. Ci aiuta a farlo il primo ospite di questo podcast, Anna Elisa Fersini della Fondazione Ampioraggio a cui abbiamo chiesto un bilancio di questa… Leggi tutto

il player del secondo podcast speciale su jazzinn

***

Contaminazione e entusiasmo la ricetta di Jazz’inn – podcast #03

Non ci sono parole migliori per descrivere la seconda giornata dell’edizione 2019 di Jazz’Inn: contaminazione e entusiasmo. Proviamo a raccontarvelo – nonostante la stanchezza – anche in questo terzo speciale che dedichiamo a questo evento e che ci porta inevitabilmente a fare anche un bilancio dell’intera edizione. Come negli altri due speciali poi, cerchiamo di… Leggi tutto

Il player del terzo podcast speciale dedicato a jazzinn

Le interviste video

Nel corso dell’evento abbiamo anche realizzato delle brevi interviste video ad alcuni dei protagonisti di JazzInn 2019 – Pietrelcina. I video sono stati pubblicati nel canale ufficiale di Fondazione Ampioraggio e sono stati realizzati grazie alla preziosa collaborazione di Diamante Content.

Il digitale ha i suoi cavalieri e tu puoi incontrarli in Sicilia

I cavalieri digitali tornano e per qualche settimana anche a un prezzo scontato. A 99,00 euro riuscirete a garantirvi un corso di formazione sul mondo digitale di due giorni. Le date sono l’11 e il 12 ottobre 2019 e il luogo è lo splendido Porto Turistico di Capo D’Orlando in Provincia di Messina.

Cosa è Cavalieri Digitali

Cavalieri Digitali è il corso sul digitale che tratta gli argomenti più importanti di questa complessa tematica: dalla scrittura per il web, alle ADS, passando per le tecniche più adatte per creare immagini e video per promuovere i propri prodotti, eventi o servizi nel mondo digitale. Otto relatori provenienti da tutta Italia condivideranno le proprie esperienze e saranno pronti a rispondere alle domande di chi parteciperà.

Cavalieri Digitali si rivolge agli studenti di comunicazione che vogliono approfondire queste tematiche ai professionisti del settore che vogliono aggiornarsi ed imparare nuove tecniche di promozione sul web e a tutti gli appassionati che vogliono gestire al meglio i propri canali digitali.

Marketing digitale: formarsi per usarlo al meglio

Arrivato alla sua seconda edizione, Cavalieri Digitali nasce con l’intento di abbattere le barriere d’accesso agli eventi di formazione per appassionati e professionisti del digitale del Sud Italia. Un esempio di come sia sempre necessario parlare e promuovere la formazione degli strumenti digitali. Strumenti che, come i nostri ascoltatori sanno, solo se maneggiati con cura possono fare la differenza per chi ha avviato un progetto di impresa.

Qualche giorno fa è stato reso noto il nome del primo cavalieri di questa nuova edizione di Cavalieri Digitali. Davide Bertozzi, copywriter e formatore già protagonista dell’edizione dello scorso anno. Presto saranno noti i nomi degli altri Cavalieri, per tutte le informazioni potete contattare gli organizzatori o visitare il sito cavalieridigitali.com.

Come si parla in pubblico è l’argomento del webcafé di luglio

È online il terzo web-café di Start Me Up: a luglio abbiamo parlato di public speaking e comunicazione a tutto tondo con Cristina Marras, proprio lei, la voce della sigla del vostro podcast preferito.

Parlare in pubblico, ma non solo.

Cristina ci ha aiutato a capire quali sono gli aspetti da tenere in considerazione quando si deve affrontare un discorso in pubblico, soprattutto se dobbiamo catturare l’attenzione dei nostri interlocutori e non permettere loro di distrarsi. Inoltre grazie a lei abbiamo capito i meccanismi della comunicazione e del messaggio da veicolare in base a chi ci troviamo davanti: come cambia il nostro modo di comunicare in base al nostro interlocutore. Infine, Cristina ha risposto alle domande di chi ha seguito il webcafè dal vivo.

Link al video del webcafe sul public speaking

Clicca sull’immagine per vedere il webcafé sul Public Speaking tenuto da Cristina Marras

 

Chi è Cristina Marras, in breve.

Cristina Marras è una podcaster, con un passato da attrice. Ha vissuto in Australia dove ha lavorato per la SBS, l’emittente statale multiculturale australiana e il Governo locale del Victoria. Oggi si dedica al suono e alla comunicazione. Lo fa attraverso Radio X e il podcast producendo format sperimentali (uno di questi è Caccia all’uomo) e conduce seminari di public speaking e comunicazione, alcuni di questi ospitati al Contamination Lab di Cagliari. Per saperne di più cristinamarras.com.

Come vedere i web-cafè di Start Me Up?

I Web-cafè di Start Me Up sono dei brevi seminari (max 45 minuti) che si tengono online una volta al mese. Di volta in volta, cerchiamo di trattare con esperti del campo argomenti specifici e di interesse per chi fa innovazione e impresa. Chi partecipa ha la possibilità di porre domande, e proporre casi specifici. Un modo per veicolare conoscenza e competenze in una metodologia che non sia uno tanti (come il podcast), ma uno a uno. I web-cafè rientrano tra le ricompense a chi, mensilmente, dona almeno 15$ a Start Me Up attraverso Patreon: chi dona oggi ha accesso ai precedenti web-cafè.

Festival estivi al Sud Italia visti dalla nostra Camera preferita

Abbiamo pensato di dedicare il nuovo numero di Camera a Sud ai festival estivi in giro per il Sud Italia. Abbiamo riflettuto a fondo per capire quale potesse essere il criterio per elencarli e classificarli. Lo chiariamo subito: non c’è. Siamo andati un po’ a memoria (gli organizzatori di alcuni di questi festival sono stati nostri ospiti in passato) e un po’ per quello che ci piace di più.

Consideriamo però questo un post in aggiornamento. E quindi, segnalateci pure i vostri festival e/o eventi in giro per il Sud Italia che si svolgeranno questa estate, saremo ben lieti di inserirli nel nostro elenco. I festival sono elencati in ordine temporale.

> Countless Cities

Nel tempo FARM CULTURAL PARK ci ha abituato a cose sempre più incredibili e bellissime. Quest’anno ha deciso di spingersi un po’ più in la con Countless Cities la Prima Biennale curata da Andrea Bartoli e co. dedicata alle città del mondo. Da fine giugno a fine ottobre Favara avrà come focus principale le città del continente Africano. Un programma ricchissimo con 19 padiglioni, 23 città rappresentate, e una serie di eventi ufficiali e collaterali. Inoltre, Countless Cities ospita la mostra personale di David Adjaye, architetto ghanese naturalizzato britannico, noto per il suo approccio democratico all’architettura. Un modo per riflettere sul senso dell’abitare e le sfide che ci aspettano in quanto cittadini del mondo. Super!

Countless Cities si svolgerà a Favara (AG) tra il 29 giugno e il 27 ottobre 2019. Maggiori info: countlesscities.com.

> Ortigia Sound Sistem

I ragazzi di OSS avevano fregato anche noi ai tempi, pensando che il loro fosse solo un festival di musica elettronica. In realtà è una festa, nel vero senso della parola. E poi si sta a mare e si ascolta musica, serve altro d’estate? No, per questo non dovreste perdere il boat-concert di Colapesce che apre questa edizione, ma soprattutto dovete partecipare almeno a un boat-party in programma: musica su una barca in mezzo alla baia di Siracusa con il sole al tramonto e un sacco di ciambelle colorate pronte a aiutarvi nel caso decideste di fare un bagno. E poi i concerti la sera all’interno del Castello Maniace sono un vero e proprio spettacolo, in tutti i sensi. Metteteci infine che siete dentro Ortigia. Beh, saremo ripetitivi ma davvero, serve altro?

Ortigia Sound Sistem si svolgerà a Siracusa tra il 24 e il 28 luglio 2019. Maggiori info: ortigiasoundsystem.com.

> Ypsigrock – 23 edition

Ypsigrock è il papà dei festival alternativi del Sud Italia. Molti dei nomi che sono passati sul palco di piazza Castello sono poi diventati dei veri e propri fenomeni della musica internazionale. Oltre alla line-up di tutto rispetto che quest’anno vede come headliner i The National, Ypsigrock è speciale per l’aria che si respira a Castelbuono in quei giorni. I concerti in programma tra il pomeriggio e la sera, il panettone Fiasconaro servito direttamente dall’omonima pasticceria in piazza, gli asinelli che girano per il paese guidati dagli addetti del servizio di raccolta rifiuti. Se siete lì non potete non passare da Putia Art Gallery.

Ypsigrock si svolgerà a Castelbuono (PA) tra l’8 e l’11 agosto 2019. Maggiori info: ypsigrock.it.

> La Guarimba International Film Festival

Il programma della settima edizione de La Guarimba verrà presentato il 25 giugno a Roma, ma siamo abbastanza sicuri di consigliarvi questo festival per la nomina e la forza dirompente che il suo fondatore, Giulio Vita, ha. Giulio è stato anche nostro ospite in passato e a lui va il merito di aver tradotto con tenacia e passione il motto de La Guarimba: portare il cinema alle persone e le persone al cinema. Il tutto fatto con un occhio all’internazionalità e alla società in cui il festival è inserito. Una comunità che va oltre i confini di Amantea e della Calabria intera. Un festival che ci aiuta a pensare in grande.

La Guarimba si svolgerà tra il 7 e l’11 agosto 2019 ad Amantea. Maggiori info: laguarimba.com.

> Mish Mash Festival

Il Mish Mash è uno di quei eventi che è cresciuto negli anni. Si svolge a Milazzo in provincia di Messina nella zona del Castello e anche questa edizione offre una lineup con alcune certezze e tante promesse. Un elemento che da sempre ha caratterizzato questo festival che non è mai andato alla ricerca del nome di grido, ma ha sempre proposto lineup di ottima qualità e varietà. Personalmente non perderei per niente al mondo l’esibizione degli I hate my village, quindi se pensate di andarci, fate un fischio che una birra insieme ce la pigliamo.

Mish Mash Festival si svolgerà tra l’11 e il 14 agosto 2019 a Milazzo (ME). Maggiori info: mishmashfestival.com.

> Jazzinn

Menzione speciale per Jazzinn, il festival organizzato da Fondazione Ampioraggio che vi abbiamo raccontato in un podcast lo scorso anno e in un altro un mese fa circa.

***

Quali festival al Sud Italia ci siamo persi? Segnalaci! Saremo ben lieti di inserirli nella nostra lista!

Dalla community ci segnalano:

> Olimparty Messina

Si svolge ormai da 8 anni sulla costa tirrenica di Messina, in Sicilia. L’Olimparty è una festa dello sport che porta 14 discipline sulla spiaggia con tornei e sfide per appassionati e non. In più, la sera spazio alla musica con esibizioni dal vivo e dj contest. Questo format ha dato vita a un’altra manifestazione (che si svolge a settembre) dedicata ai disabili, il parolimparty.

Siamo in attesa di conoscere il programma dell’edizione 2019 che si terrà a Messina tra l’8 e l’11 agosto 2019. Tutte le informazioni su olimparty.it.

> Art and Music Fest-#iamfest

“I modi intelligenti, creativi e fantasiosi di collegare le idee alla loro materializzazione sono importanti. Perché il futuro conta e useremo qualsiasi mezzo possibile per progettare mondi migliori, incluso il dispiegamento simultaneo di realtà, finzione, arte e design.”

L’Art and Music Fest è il festival della rigenerazione urbana che ha luogo nell’entroterra siciliano, nel cuore del centro storico di Lercara Friddi (PA). La ricerca della bellezza avviene laddove essa stessa è nascosta, tra vicoli, stradine, edifici abbandonati e scalinate ciottolate di un caratteristico quartiere. La sfida di quest’anno sta nel mettere in discussione e interrogare le pratiche sociali e tecnologiche, le tendenze culturali e i problemi emergenti per suscitare la comunità a chiedersi qual è il proprio posto nel mondo e a ragionare sul futuro.

Dal 2 al 4 agosto, la quinta edizione del festival ospiterà street artists, musica live, video makers, fotografi, designers e architetti. Presto il programma sull’evento facebook.

Foto di copertina: insegna all’ingresso di piazza Castello a Castelbuono (PA)

Gestire i fallimenti: una piccola guida che parte da “Tubthumping”

Se siete nati negli anni ’80 ricorderete sicuramente i Chambawamba, gruppo inglese che conobbe una certa fama intorno agli anni ’90 con Tubthumping, brano che trascinava più per il ritmo che per le parole (almeno al me dodicenne faceva questo effetto che potremmo identificare con la seguente gif).

via GIPHY

Avrei dovuto aspettare il 2004, durante il concerto del Primo Maggio a Roma, per realizzare ciò che quella canzone diceva. E non tanto la parte relativa alla dipendenza dall’alcol e le conseguenze che ti portavano a passare la notte in bagno, ma ciò che il cantante cantava durante il ritornello.

I get knocked down, but I get up again
You are never gonna keep me down

Mi ricordo che quella sera, tornando a casa, mi sentivo carichissimo, come se niente e nessuno mi potesse fermare. Sbagliavo? Ma io mi rialzo e nessuno, mai mi avrebbe lasciato lì per terra.

Io per indole non mi ritengo un battagliero, anzi! Forse sono più fifone che battagliero, però la consapevolezza che dagli sbagli io potessi rialzarmi era una cosa che mi emozionava (anche adesso che ho riascoltato il brano prima di iniziare a scrivere ciò che state leggendo) e che prima non avevo ben focalizzato.

Ok, ho sbagliato: e adesso che succede?

Tubthumping dei Chambawamba mi sembrava il modo migliore per introdurre l’argomento di questo post e cioè come gestire i fallimenti. Se infatti ci fa paura sbagliare, dopo aver commesso il fatto la domanda vera è: e adesso cosa accade?

È Rachel Simmons sul The New York Times a mettere insieme una serie di consigli su come gestire al meglio i fallimenti. L’autrice si rivolge a un pubblico prettamente femminile ma sono consigli che vanno bene per ciascuno di noi.

Partire ad esempio dalla considerazione che “tutti sbagliano” è una strategia se vogliamo banale, ma pressoché vincente. E il conseguente bagno di umiltà che ne consegue, ci permette di essere realistici e – soprattutto – di trovare una soluzione, anziché ritirarci in un angolo a disperarci.

Un’altra dinamica che aiuta a gestire al meglio gli errori non è tanto la consapevolezza che “sbagliando si impara”, ma la capacità di giudicare l’azione per quella che è. E il punto di vista è un aspetto per nulla secondario. Vi faccio un esempio: quando sbaglio sono molto più severo con me stesso che con un mio amico e/o collaboratore. A pari gravità di sbaglio, io sarò molto più indulgente con lui che con me stesso. Un altro modo quindi per gestire al meglio i nostri errori è focalizzarci fuori di noi. Io ho iniziato a farci caso da poco e i risultati sono per me tangibili.

Vuoi essere bravo a gestire i fallimenti? Esercitati!

Poi c’è chi decide di esercitarsi. L’uomo è un animale routinario e, in quanto tale, impara a gestire le situazioni ripetendole più volte. È un espediente che solitamente si applica alle cose pratiche e quindi perché non usarlo anche per gestire il fallimento? È il consiglio che dà Rachel Simmons alla fine del suo articolo. Attenzione però, non dice di sbagliare ogni giorno (sarebbe un vero e proprio supplizio), ma piuttosto ci invita a fare qualcosa che ci rende nervosi, prendersi piccoli rischi.

È un po’ quello che ha fatto Jia Jang per gestire al meglio l’essere rifiutato, un aspetto di sé che aveva difficoltà ad accettare. Ha deciso che ogni giorno avrebbe fatto una richiesta assurda a una persona a caso e avrebbe poi dovuto gestire l’eventuale rifiuto. Ha creato un videoblog su youtube che documenta tutto ciò, e a volte ha documentato anche la sua sorpresa quelle volte che piuttosto che un rifiuto, è stato accontentato. È lo stesso Jia che racconta il suo processo di apprendimento durante un TED talk molto spassoso che vi consiglio di vedere.

foto in copertina, un grab dal video dei Chumbawamba

I miti da sfatare sul growth hacking e un esperimento

Questo articolo è stato scritto con il supporto di Dario Flaccovio Editore

Più che sul libro sul growth hacking, quello scritto da Luca Barboni e Federico Simonetti è un libro sui miti da sfatare sul growth hacking. Quello che può sembrare un espediente acchiappa click è in realtà la prima sensazione che ho avuto quando sono arrivato alla fine di Growth Hacking: fai crescere la tua impresa online che fa parte della collana Webbook di Dario Flaccovio Editore. In questo articolo elencherò quelli che a me sono sembrati i miti più eclatanti e in più vi sottoporrò a un esperimento. Ma dovrete arrivare fino alla fine. Per cominciare, una nota sugli autori.

Gli autori di Growth Hacking: fai crescere la tua impresa online

Il libro – la cui prima edizione è di metà 2017 – sintetizza per bene la storia e i processi che stanno dietro al Growth Hacking. Per scriverlo Luca Barboni si è affidato a Federico Simonetti che – come scrive lui stesso – era “la persona più intelligente nella stanza” dove si conobbero qualche anno prima della scrittura del libro. Ma non solo lui: all’interno del libro ci sono inserti curati da altri 5 “contributori” che, se avete un minimo di dimestichezza con il mondo del marketing digitale italiano, riconoscerete subito. Stiamo parlando di Matteo Pogliani, Raffaele Gaito, Bernando Mannelli, Claudio Marchetti e Federico Pacilli.

Primo mito da sfatare: il Growth Hacking non è un ricettario

La struttura del libro permette a qualsiasi lettore di farsi una idea piuttosto completa di cosa parliamo quando parliamo di growth hacking. Si parte da una panoramica del mondo delle startup, un concetto che purtroppo sempre più annacquato negli ultimi tempi e che qui gli autori riprendono nell’accezione classica della Silicon Valley: cioè un’azienda che con poco e in modo innovativo riesce a crescere tanto e in poco tempo. E qui viene fuori il ruolo essenziale del growth hacking all’interno della vita di una startup. Ma attenzione! Non stiamo parlando di un ricettario dove trovare quelle azioni che SICURAMENTE ti faranno crescere. Il primo mito sul growth hacking che questo libro sfata è proprio questo: il growth hacking è più un processo che un libretto di istruzioni. Delusi? E questo è niente…

Secondo mito da sfatare: il Growth Hacking non è solo per startup

Il fatto che il growth hacking arrivi dal mondo delle startup non significa certo che sia adatto solo a questo tipo di aziende. Nel libro questo concetto viene articolato per bene e vengono anche riportati i casi di successo di alcune imprese che hanno usato il growth hacking per lanciare un singolo prodotto o di come alcuni imprenditori ormai lo utilizzino quotidianamente nella loro azienda. Ve l’ho detto, è più un processo da attuare all’interno della propria impresa che altro. Un processo che prevede – tra le altre cose – uno stretto contatto con i propri clienti, ma soprattutto con i dati in nostro possesso. Se dovessimo infatti trovare delle parole chiave proprie del growth hacking, una di queste sarebbe certamente “misurare”. Come farlo al meglio? Lo trovate scritto nel libro, dove sono indicati anche alcuni hack (è proprio il caso di dirlo) per farlo non solo al meglio ma anche in meno tempo possibile.

Come passare all’azione?

Growth Hacking: fai crescere la tua impresa online è soprattutto un manuale operativo, naturalmente. Se da un lato descrive le principali caratteristiche del growth hacker all’interno delle aziende, dall’altro analizza e descrive tutti gli aspetti che una società dovrebbe intraprendere nel caso in cui decidesse di attuare processi simili. Perché, non dimentichiamolo e gli autori non smettono mai di ricordarlo, il growth hacking è un processo che coinvolge l’intera azienda: più lo sforzo sarà corale più ci sarà la garanzia di avere dei risultati concreti.

Infine, l’esperimento…

Se a me questo libro ha dato la sensazione di voler scacciare il tanto fumo che negli ultimi anni si è sollevato su questo argomento, spero che questo articolo vi convincerà a leggere Growth Hacking: fai crescere la tua impresa online. E, visto che se siete arrivati a leggere fin qui, in piena ottica growth hacker vi invito a condividere queste poche righe con chi pensate possa essere interessato. Dimostratevi che non ho mica letto questo libro per niente, eh!

La foto di copertina è di Samuel Zeller, via.

Il tuo parere? Non serve a niente

Uno degli aspetti forse più critici della vita di azienda e del lavoro di gruppo in generale riguarda i pareri sul lavoro dei propri collaboratori. Se fossimo in uno di quei video motivazionali per startupper in erba potremmo dire che “grazie alle critiche l’azienda cresce e il lavoratore diventa più consapevole, eccetera eccetera…”. In realtà chi lavora in gruppo sa benissimo che esprimere un parere sul lavoro svolto dai propri colleghi spesso è una vera e propria rogna per questioni di tempo, visione, aspettative altrui e tatto (per dirne solo alcune, di rogne). Come uscire quindi da questa situazione? Abbiamo fatto un giro nell’internet e le risposte sono pressoché univoche: i pareri non servono a nulla.

Lo scrive chiaramente Bruna Tortorella su Internazionale riportando un articolo di Oliver Bunkerman che a sua volta cita il libro “Nove bugie sul lavoro” scritto da Marcus Buckingham e Ashley Goodall. I due autori sostanzialmente scrivono che “non vale mai la pena dire alle persone quello che secondo voi fanno bene o male, o come farlo meglio”. Anche se lo fate per il loro bene, con gentilezza o semplicemente indorando la pillola: i commenti, feedback o pareri servono a poco o comunque non faranno crescere quella persona professionalmente. Se non volete comprare il libro, potete leggere il post che hanno scritto sull’Harvard Business Review in cui smontano pezzo pezzo tre teorie che stanno alla base del “le critiche aiutano a crescere”.

Se i pareri non servono, le reazioni sono la via

E quindi? Che fare? Non tutto è perduto, tranquilli. In effetti una via per aiutare le persone quando – secondo noi – stanno sbagliando c’è, ed è più semplice di quanto possiamo immaginare. Piuttosto che dire “così non si fa…” o “non avresti dovuto fare così…” è sempre bene dire come ci ha fatto sentire quella determinata azione. Se infatti anziché comunicare quanto non ci è piaciuto il loro lavoro cerchiamo di spiegare loro come ciò che hanno fatto ci ha fatto sentire andremo dritti al punto.
Il fatto è che nessuno ha la ricetta per fare le cose al meglio. C’è l’esperienza che può guidarci in un lavoro, ma la storia ci insegna che a volte fare le cose in modo diverso può darci un risultato migliore. Da qui ne scaturisce che ognuno dovrebbe essere libero di raggiungere la soluzione come meglio crede. Occhio che se estremizzate troppo questo concetto si arriva al caos e si va fuori tema. Se restiamo in parametri come lo stile o l’approccio personale a una attività, allora non c’è una regola unica: se una cosa funziona per uno (e porta risultati ottimi) non è detto che funzioni per gli altri. Va da sé che la critica sul metodo non porta a nulla perché magari il destinatario di quella critica ha un approccio diverso dal vostro.
Portando invece il feedback su un piano più personale, di reazione, le cose cambiano. Quelle sono veramente sensazioni solo nostre e restituirle al mittente non può che fargli bene. E occhio che questo vale di più in positivo che in negativo! Scrive Oliver Bunkerman (sempre nella traduzione di Bruna Tortorella) su Internazionale:

il modo migliore per elogiare qualcuno non è valutare il suo talento ma dirgli come ci ha fatto sentire. Dopotutto, è straordinariamente arrogante fare i complimenti a qualcuno perché è un bravo scrittore, stratega, compagno di squadra e così via: chi ci autorizza a giudicarlo? Ma elogiarlo perché ci ha ispirato, convinto o aiutato a capire un argomento complesso è una cosa completamente diversa. Di questo gli unici veri giudici siamo noi.

Approcci pratici alla gestione dei pareri

Un approccio approvato anche da altri autori: Dave Bailey in suo articolo su medium chiama in causa addirittura l’approccio nonviolento. Basandosi principalmente sull’empatia, Dave guida il lettore in un ragionamento a trecentosessanta gradi su come comunicare al meglio i pareri all’interno del team. Tra le varie tecniche consigliate da Dave mi ha molto colpito la regola delle 40 parole. La descrive così (la traduzione è mia):

Durante le conversazioni difficili, è importante essere estremamente concisi. Cerca di descrivere le tue osservazioni, i tuoi sentimenti, i tuoi bisogni e le tue richieste in meno di 40 parole. Usare più parole suggerisce che stai giustificando i tuoi bisogni, e questo diminuisce il potere delle tue frasi.

C’è chi invece, come Claire Lew, suggerisce qualcosa di ancora più semplice. Un accorgimento utile soprattutto a chi è a capo di un gruppo di persone e desidera avere un giudizio sul proprio operato. Se si chiede espressamente al proprio team un’opinione su ciò che si è fatto è sempre bene sostituire la parola parere (feedback) con consiglio (advice). Scrive Claire su medium (la traduzione è sempre mia):

La parola “feedback” porta con sé un carico molto pesante. Alcuni la associano automaticamente a una “critica” o a qualcosa di negativo. Può quindi avere un suono spaventoso e formale.

Mentre “consiglio” è una parola molto più accogliente. Il consiglio viene associato molto più facilmente al concetto di dare una mano a qualcuno. Quando qualcuno ti dà un consiglio spesso è perché vuole prendersi cura di te.

Se questo articolo vi ha convinto, condividete questo articolo con il/la vostra/o collega criticona/e, magari aggiungendo un cuoricino, e ditegli che lo fate per il bene del vostro lavoro.

Foto di copertina di Camylla Battani, via Unsplash

Innovazione sociale e sostenibilità nella bacheca di aprile

Una bacheca all’insegna dell’innovazione sociale quella di aprile. Se siete amministratori pubblici ne dovete tenere assolutamente conto (se non lo siete potete comunque farglielo sapere). Ma tranquilli, in questa bacheca ce n’è anche per chi innova nel settore tessile e nella cultura. Infine vi segnaliamo anche un posto di lavoro come growth-hacker…

Progetti sperimentali su Innovazione Sociale – Dipartimento funzione pubblica

Il Dipartimento funzione pubblica del Ministro della Pubblica Amministrazione ha avviato la sperimentazione per l’utilizzo del fondo per l’innovazione sociale. Si legge sul sito del Ministero che “La sperimentazione si articola in un Programma triennale che, nell’ambito delle risorse stanziate dal Fondo, finanzia progetti di innovazione sociale di amministrazioni locali  nei settori dell’inclusione sociale, dell’animazione culturale e della lotta alla dispersione scolastica”.

Questo significa che il Dipartimento assume il ruolo di abilitatore di processi di innovazione sociale in modo da favorire la nascita di idee e progetti dal basso “per accompagnare e validare modelli di intervento in grado di dare una risposta più efficace rispetto ai bisogni dei cittadini e più efficiente rispetto all’allocazione ed utilizzo delle risorse pubbliche”.

Sarà possibile presentare le proprie proposte – che dovranno essere inviate da rappresentanti di comuni capoluogo e le città metropolitane – tra il 15 giugno 2019 al 31 maggio 2020.

Scopri di più

Cultura Crea, c’è ancora tempo per accedere al finanziamento

“Cultura Crea” è l’incentivo che sostiene la nascita e la crescita di iniziative imprenditoriali e no profit nel settore dell’industria culturale, creativa e turistica, che puntano a valorizzare le risorse culturali del territorio nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

È promosso dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (Mibact) per sostenere la filiera culturale e creativa delle regioni interessate e consolidare i settori produttivi collegati, rafforzando la competitività delle micro, piccole e medie imprese in attuazione del PON FESR “Cultura e Sviluppo” 2014-2020 (Asse Prioritario II). Le risorse finanziarie stanziate ammontano a circa 107 milioni di euro. È prevista una dotazione aggiuntiva di 7 milioni di euro.

Ne abbiamo parlato a dicembre 2016 ma ci sono parecchie novità per il 2019,

Scopri di più

Re-FREAM la call per artisti e designer

Re-FREAM, è alla ricerca di artisti e designer che possano collaborare insieme a ricercatori e scienziati per progetti di ricerca innovativi nell’ambito della produzione tessile. Questi progetti verranno sviluppati in un percorso assistito lungo tre spazi di co-creazione, in cui 20 artisti potranno creare concept innovativi insieme a scienziati e specialisti lungo un periodo di 9 mesi, con finanziamenti per i progetti migliori pari a € 55.000. Ogni spazio di co-creazione sarà situato in uno specifico hub, a Valencia, Berlino e Linz.
È possibile candidarsi alla prima delle due call previste (con 10 progetti finanziati per ogni call) attraverso il sito ufficiale, entro e non oltre il 30 maggio 2019. Maggiori info anche sul sito del Consorzio Arca, partner di Re-FREAM.

Scopri di più

Fondazione Sicilia sostiene i piccoli borghi

La Fondazione Sicilia ha pubblicato due bandi per la valorizzazione dei piccoli centri siciliani. Con il primo bando, Fondazione Sicilia intende contribuire alla rigenerazione del territorio, dedicando particolare attenzione agli interventi di restauro/conservazione del patrimonio storico-artistico e ambientale dei piccoli centri, anche con lo scopo di concorrere a preservare la memoria della comunità. Mentre con il secondo bando la Fondazione invita a immaginare un nuovo futuro per queste aree. I borghi possono essere infatti conservati nella loro forma corrente e con la loro destinazione originaria, ma non va preclusa loro la possibilità di ristrutturare alcune aree, destinandole a finalità diverse rispetto a quelle di partenza. Entrambi i bandi scadono il 17 giugno 2019.

Scopri di più

FOUNDAMENTA8 per le startup a impatto sociale

Chi è a capo di una startup a impatto sociale può considerare di presentare la propria candidatura a FOUNDAMENTA8.

In palio:

  • Seedfund fino a #100k€ cash;
  • 4 mesi di training e accelerazione intensiva;
  • Accesso al network 50+ #investor e mentor.

La call chiude il 02.06.2019.

Scopri di più

Offerte di lavoro

Biorfarm alla ricerca di un Guerriero della Comunicazione

Biorfarm è alla ricerca di un Guerriero della Comunicazione, un tester nato, con un forte orientamento al Digital Marketing e che sappia costruire Network, convertire i pagani in Agricoltori Digitali e non abbia paura di sporcarsi le mani per essere l’artefice della crescita!

Ascolta l’intervista a Osvaldo De Falco di Biorfarm e scopri di più sulla loro offerta di lavoro.

Foto di copertina di Luis Tosta, via Unsplash