Lavorare in team è semplice (se sai come fare)

Alzi la mano chi non ha mai pensato che il lavoro in team sia bello ma il più delle volte complicato. Ecco, come puoi immaginare, non sei solo. Per quanto possiamo infatti essere predisposti a stare con gli altri (e a chi vi scrive viene spesso riconosciuta questa dote) ci sono una marea di motivi per cui un lavoro di squadra può fallire: aspettative sbagliate, incompatibilità varie o semplicemente modi di fare differenti. Sono tutti motivi che portano il lavoro del team a essere davvero complicato e stressante, se non in casi peggiori, a fallire miseramente.

I tre motivi che ostacolano il lavoro in team

C’è un articolo di fastcompany.com che elenca i tre tratti caratteriali che possono rappresentare un ostacolo al lavoro in team. Come si dice, per combattere il nemico bisogna prima conoscerlo, no?
L’autore dice che avere all’interno del team persone ambiziose può rappresentare un freno al lavoro collettivo, soprattutto se le cose iniziano a andare male. Avere degli standard qualitativi alti infatti, può produrre senso di frustrazione che può essere poi propagato a tutti i membri del gruppo. Il consiglio è non settarsi su un risultato mediocre, sarebbe da pazzi, bensì concentrare la propria ambizione sul proprio contributo così da dare il meglio di sé e soprattutto essere da esempio per il resto del team.
Anche la creatività e l’apertura a nuove esperienze seppur necessarie al lavoro in team possono rivelarsi controproducenti: se si è troppo aperti si rischia di perdere il focus e non centrare l’obiettivo a cui tutto il team punta. Quindi se con creatività e apertura la fase creativa sarà una bomba il team potrebbe avere seri problemi nella fase dell’esecuzione: a questo punto sarebbe meglio lasciare la guida a chi ha più dimestichezza con la logistica e un maggior senso pratico.
Infine, una dote che può rivelarsi utile al lavoro in team ma che fatica a venir fuori è la diligenza. “Le persone diligenti sono affidabili – scrive l’autore. “Sono grandi pianificatori ed eccellono in team ben strutturati e vincolati a regole. Sono anche conosciuti per l’autodisciplina e l’autocontrollo, che li aiuta ad evitare le distrazioni e a raggiungere buoni risultati, anche quando non sono intrinsecamente motivati dal compito”. Il problema in questo caso è che chi solitamente è diligente non trova interesse nel lavorare in team. Ed è un peccato perché è proprio grazie a persone come loro che un team riesce a raggiungere con successo il proprio obiettivo.

Lavorare in team: qualche consiglio pratico

Se vogliamo stare lontani dalle emozioni e dai “sentimenti” e vogliamo invece essere più operativi allora vi consiglio di dare un’occhiata al manifesto dedicato ai “piccoli team che lavorano su cose importanti”. Lo ha scritto (in inglese, qui)Seth Godin, quello de La Mucca viola, e conta all’incirca venti voci.

Io ho scelto la mia top 3, e mi sono fatto guidare dalle mie esperienza personali. Non c’è quindi un motivo apparente se non che mi ricordano una particolare situazione che andava affrontata. Se avessimo tutti condiviso questo manifesto forse le cose sarebbero andate meglio.

  1. Care more (“importatene” di più)
  2. Don’t question goodwill, effort or intent. (non mettere in dubbio la buona volontà, lo sforzo o l’intento)
  3. Make mistakes, own them, fix them, share the learning. (Sbaglia, ammetti di aver sbagliato, correggi e condividi con gli altri ciò che hai imparato).

Se ti va, nei commenti e sui social, scrivimi la tua top 3.

Per essere ancora più pratici e nel caso in cui vi troviate a gestire un gruppo di persone con poca confidenza con il lavoro in team, allora potete seguire i consigli che Sandeep Kashyap ha elencato in un suo articolo scritto su medium. Che poi lui sia a capo di Proofhub, un tool che vi permette di gestire i progetti dei team in maniera più agevole è un altro punto a suo favore, no? Scherzi a parte, ho letto l’articolo e mi sembra che ci siano delle buone intuizioni che possono tornarci utili nel nostro lavoro. Anche nel caso in cui non siamo noi direttamente a gestire il team: dobbiamo comunque dare il nostro contributo, no?

Ma se dovessimo trovare una sintesi e il segreto di un buon lavoro in team allora non possiamo non dare ragione a Gustavo Razzetti che nel suo articolo parla del perdono. L’articolo di Gustavo mette bene in evidenza il modo in cui i rapporti all’interno di un team rischiano di incrinarsi a causa del risentimento di una persona nei confronti di un’altra. E, non essere in grado di perdonarsi vicendevolmente rende le cose ancora peggiori. Anche per questo motivo il suo consiglio è quello di creare un ambiente di lavoro dove il perdono possa essere praticato con naturalezza. Curiosi? Sono solo 7 punti (tutti scritti in inglese qui).

E quindi qual è il segreto di un buon lavoro in team?

Ma secondo voi da chi possiamo imparare qualcosa sul lavoro in team se non da chi ha allenato una delle squadre di pallavolo più forti di tutti i tempi? Esatto mi riferisco proprio a Julio Velasco (metto qui il link a wikipedia, ma se non sai chi è Julio Velasco dovresti vergognarti un pochetto). Ci sono tanti video dei suoi discorsi su come gestire un team, io ho scelto quello che a mio avviso è il più adatto a questo tema e che sintetizza meglio tutto quello che abbiamo fin qui scritto. Ha a che fare con i ruoli che ciascuno ha all’interno del team e con l’approccio che ogni componente deve avere per portare a termine un lavoro fatto bene. Io ci ho visto questo, tu? Buona visione!

foto di copertina rawpixel, via Unsplash

Una nuova prospettiva sul Sud Italia: la nuova Camera a Sud

Torna Camera a Sud, la rubrica che vuole darvi una prospettiva diversa sul Sud Italia. Camera a Sud vi aggiorna sugli sviluppi e le novità che riguardano tutti quei progetti che sono passati da Start Me Up. Ma da ora in poi sarà leggermente diversa. Innanzitutto, non sarà più settimanale ma mensile. E soprattutto sarà incentrata sia sui progetti che sono passati dai microfoni di Start Me Up, ma ci permetteremo, mese dopo mese, di segnalarvi articoli, commenti e notizie che ruotano intorno al Sud Italia produttivo, innovativo e competitivo. Uno spazio quindi per riflettere sul Sud Italia e le sue capacità: una prospettiva necessaria per operare quel cambiamento che tanto professiamo. È un altro modo per noi di Start Me Up, per mettere al centro del dibattito un Sud Italia lontano dagli stereotipi e dalle visioni macchiettistiche alle quali siamo abituati a pensare.

Gli effetti della manovra del Governo secondo lo SVIMEZ.

Governo Conte

foto Presidenza della Repubblica, via

Poco prima della fine dell’anno il direttore Svimez, Luca Bianchi, dalle pagine del suo blog sull’Huffington Post poneva l’attenzione sulla manovra economica del Governo e gli effetti di questa sul Sud Produttivo. Scrive Bianchi:

“si impone al Mezzogiorno uno scambio implicito interno tra reddito di cittadinanza e risorse per investimenti. Si sceglie infatti in continuità con il recente passato di usare i margini di flessibilità di bilancio per sostenere i redditi invece che finanziare le politiche di sviluppo.
Eppure bastava vedere i dati degli ultimi anni per capire che proprio nelle regioni meridionali il tessuto economico e produttivo si è rimesso in cammino. Grazie a competenze e spirito imprenditoriale si è riattivato dopo la crisi un tessuto dinamico di imprese, che nonostante un settore pubblico sempre più assente, aveva ripreso ad investire e a crescere anche sui mercati internazionali.”.

Lo segnaliamo perché la nostra ossessione per il Sud Produttivo, quello che raccontiamo nei nostri podcast, è venuta fuori il giorno dopo i risultati dell’elezioni del 4 marzo 2018 quando, da più parti, il voto al M5S al Meridione è stato letto come la prova dell’immobilità del Sud Italia che sognava il reddito di cittadinanza. Un’interpretazione che non giova a nessuno, né al Sud, né al Paese Intero, a nostro avviso.

Leggi l’articolo su huffingtonpost.it

Il team di Ocore in lizza per diventare velista dell’anno.

ocore, stampa in 3d la barca

Il giornale della Vela ogni anno promuove un contest per decretare il velista dell’anno. In gara quest’anno ci sono anche Francesco Belvisi e Daniele Cevola di Ocore, il team siciliano che ha costruito la prima barca al mondo stampata in 3D.

Daniele e Francesco sono stati nostri ospiti in uno dei nostri podcast circa un anno fa e non potevamo far mancare loro il nostro sostegno. Forza Ocore!

screen del voto a ocore

 

Combattere la cultura della mafia, non la mafia. Come a Petrosino.

Il sindaco di Petrosino, Gaspare Giacalone

foto, via

Forse vi è capitato di leggere una sua intervista o ascoltarlo in una delle sue tante partecipazioni a programmi radio e tv. Ci riferiamo a Gaspare Giacalone, il sindaco di Petrosino, comune in provincia di Trapani, che a dicembre è stato riconosciuto come il terzo più virtuoso in Italia. Un risultato frutto del lavoro del sindaco Giacalone che, fino al 2012, viveva a Londra e lavorava come manager.

Ripercorre la storia del sindaco Giacalone Angelo Romano in un articolo di Valigia Blu. Qui si sottolineano i due caratteri vincenti della sindacatura di Gaspare Giacalone: il sostegno di una lista di ragazzi che visto in Gaspare Giacalone la persona giusta a candidarsi nel 2011 (è stato rieletto nel 2017 con il 60% di preferenze, dice Valigia Blu) e la sua lotta alla cultura della mafia, non alla mafia in sé. L’articolo riporta le parole del sindaco che spiegano la differenza:

«Sento di aver fatto con forza una lotta alla cultura della mafia. Ovvero contro quell’atteggiamento arrendevole di fronte alla prepotenza e all’abuso del territorio. Non importa se gli attori in campo abbiano o no contatti diretti con la mafia o se siano o no mafiosi; è il modo di fare che è simile. La politica non dovrebbe rimanere ferma al distinguo tra mafioso e no».

Leggi l’articolo su valigiablu.it

 

foto di copertina di Anika Huizinga, via Unsplash

Perché chi ha un’idea d’impresa dovrebbe leggere “Da cosa nasce cosa”

Non so quando o perché ho deciso di inserire Da cosa nasce cosa di Bruno Munari nella mia lista pubblica di libri da leggere. Forse ne ho letto un estratto da qualche parte e avevo deciso che doveva rientrare nella mia biblioteca personale. L’incoscienza a volte ci azzecca e nonostante io non sia un designer questo libro mi ha divertito e per certi versi l’ho trovato utile per il mio lavoro.

Un libro sulla creatività

copertina libro Munari Da cosa nasce cosaSe ho deciso di parlare di Da cosa nasce cosa di Bruno Munari per dare il via alla rubrica sui libri di Start Me Up è perché questo è un libro sulla creatività. Vuoi poi per la scrittura leggera, vuoi per la semplicità delle argomentazioni Da cosa nasce cosa è a mio avviso un must per chi risolve problemi per lavoro. L’intento di Munari è quello di insegnare le basi della progettazione di cose alla portata di tutti, che risolvono problemi reali. Perché “se si impara a risolvere piccoli problemi si può pensare di risolvere poi problemi più grandi.” Munari spiega tutto in maniera lineare e attraverso modelli molto semplici. Su tutti, lo schema di risoluzione di un problema a mio avviso andrebbe appeso sul muro di ogni agenzia che progetta soluzioni per qualsiasi tipo di cliente.

La regola fondamentale che sta dietro ogni progetto: semplificare.

C’è anche un paragrafo dedicato all’importanza di semplificare. “Semplificare è un lavoro molto difficile e richiede molta creatività. Complicare è molto più facile”. Ora quanti di voi hanno progettato una app o un servizio, pensandoci di farci una startup, mettendoci dentro decine di funzioni? E adesso, pensate a quante cose o servizi usate proprio perché sono semplici da utilizzare? E, attenzione se non siamo capaci di capire quanto difficile sia semplificare è perché, per natura, è difficile quantificare il lavoro progettuale che c’è dietro a un oggetto o servizio che funziona bene. Sarà capitato a tutti, davanti a un nuovo oggetto che fa qualcosa di semplice esclamare: “Ma questo lo sapevo fare anche io”. La risposta migliore la dà Munari:

“quando qualcuno dice
questo lo so fare anch’io
vuol dire
che lo sa rifare
altrimenti lo avrebbe
già fatto prima”.

E qui capite quanto la novità rappresenti, almeno per alcuni campi, un reale vantaggio competitivo.

Anche se nasce per designer, Da cosa nasce cosa è perfetto per chi ha un’idea e vuole farci un’impresa. Il testo giusto, che ti induce a dubitare delle cose giuste e a porti le domande corrette. Servono altri motivi per pensare di doverlo leggere?

foto di copertina Chris Benson, via Unsplash

Volete fare scelte migliori? Provate uno di questi principi

A metà novembre Mark Manson, autore per il NYTimes e del libro La sottile arte di fare quello che c***o ti pare, ha scritto sul suo blog Cinque principi da seguire per fare scelte migliori. Io provo a farne una sintesi, l’articolo in inglese lo trovate qui.

Considerare il valore di ogni idea

Ogni decisione importante ha un suo valore finanziario, un valore emotivo, sociale e così via. Per prendere la giusta decisione è necessario considerare ognuno di questi “valori” e soppesarli. Ma attenzione! I valori potrebbero cambiare con il tempo: quindi è importante considerare sia il corto che il lungo periodo.

Per natura cerchiamo ricompense che arrivano nel breve periodo inseguendo il valore emotivo di una scelta. Purtroppo siamo spesso incapaci di vedere chiaramente i benefici a lungo termine di una scelta perché diamo un peso maggiore alle nostre paure e ansie, che sentiamo più vicine e presenti. Così come siamo poco predisposti a abbandonare qualcosa su cui abbiamo lavorato per tanto tempo o – ancora peggio – pensare che magari abbiamo sbagliato qualcosa (e stiamo ancora sbagliando).

Una regola che spesso funziona è quella di accettare i piccoli fallimenti che accadono nel breve termine ma che ci consentono di raggiungere il nostro obiettivo finale, certamente più importante. È questo che la maggior parte delle persone non riesce a fare ed è proprio qui che risiede il maggior numero di possibilità per avere successo.

 

Perdete di proposito (almeno a volte)

Alzi la mano chi non ha mai sentito la storia di un imprenditore che ha fallito decine di volte prima di avere un successo incredibile. Ogni volta che leggiamo questo tipo di storie, l’insegnamento che ne traiamo è che bisogna perseverare, perseverare, perseverare… e che queste persone sono state davvero fortunate perché alla fine ce l’hanno fatta.

Ciò che non consideriamo – dice Mark – è che tutti quei tentativi sono state delle scommesse in cui o si perdeva poco o si vinceva tantissimo. Se qualcuno vi desse un paio di dadi e vi dicesse che è disposto a darvi 10.000€ nel caso in cui uscissero due numeri uguali e che ogni tiro costasse 100€, voi non provereste fino a quando non esce la coppia?

Spesso pensiamo che nella vita abbiamo a disposizione un solo tiro di dadi: in realtà, ne abbiamo a disposizione molti di più, se non un numero infinito, molti di più di quelli che possiamo immaginare. Basta quindi adottare questo approccio alla vita di tutti i giorni. Alcuni esempi:

  • A lavoro proporre idee con la consapevolezza che il 90% di esse non avrà futuro, ma che, se accettate, vi permetteranno di dare una accelerata pazzesca alla vostra carriera;
  • Dare ai vostri figli compiti complessi sapendo che loro non li vorranno nemmeno vedere. Ma se lo faranno, voi avrete offerto loro un enorme vantaggio sugli altri bambini;
  • Non essere troppo esigenti nella scelta della persona con cui uscire, rimanendo però estremamente fermi su chi siete e su cosa volete con la consapevolezza che la maggior parte delle persone non sono affatto compatibili con voi;
  • Comprare libri difficili e non aspettarsi che tutti vi saranno utili o addirittura che sarete capaci di capirli: concedetevi però la possibilità che almeno uno di questi volumi vi possa cambiare la vita;
  • Dite di si a ogni invito che vi fanno anche se pensate che quell’evento sia solo una seria minaccia al vostro sonno: non potete mai sapere quando e dove incontrerete la persona che può cambiare la vostra vita.

Questo breve elenco di situazioni ci permette di capire il valore di una azione nel breve e nel lungo periodo: rileggendole con calma intravedrete come tutti gli scenari descritti riservano una possibile “vittoria” alla fine.

Trattate le vostre emozioni come trattereste il vostro cane

Si dice che il cane assomigli sempre al padrone. Mark sostiene che il livello di disciplina di un cane rifletta la maturità emotiva e l’autodisciplina del padrone perché la connessione che noi stabiliamo con il nostro amico quadrupede è puramente basata sulle emozioni. E quindi dovremmo cercare di trattare le nostre emozioni come se fossero il nostro animale da compagnia. Se ci fate caso sono molto simili tra loro: sia un cane che le nostre emozioni sono spinte solo dal desiderio di mangiare, dormire, scopare e giocare, senza alcuna consapevolezza delle conseguenze o dei rischi delle proprie azioni. Anche per questo è importante addestrarle.

Le nostre emozioni sono importanti ma non possiamo permettere loro di prendere il sopravvento. Ci servono per avere la passione e la spinta necessaria per fare le cose ma non possiamo ridurre tutto a quello, sarebbe limitante. Il lavoro ci aiuta ed è l’addestratore di cani per le nostre emozioni. L’addestratore sa dove far leva per fare in modo non che il cane perda la sua vitalità, ma che sia capace di usarla dove è più necessario, al momento opportuno e soprattutto, per uno scopo ben preciso.

Non condanniamo le nostre emozioni, addestriamole piuttosto.

Organizzare la propria vita in modo da avere meno rimpianti possibili

Quando si prende una decisione è importante valutare il ruolo dei rimpianti. Proviamo a considerare le scelte che abbiamo davanti in base a rimpianti che pensiamo di avere se scegliamo una o l’altra strada. Secondo Mark questo è il vero modo per capire ciò che vorremmo realmente fare. Spesso abbiamo paura di fallire ma se ci chiedessimo: “Potrei poi rimpiangere di non aver fatto una determinata cosa?” e ci rispondessimo “Si”, allora possiamo correre il rischio. Se iniziamo a considerare i rimpianti che possiamo avere allora inizieremmo a accettare molte più sfide.

Non dovremmo più basare le nostre decisioni su successo/fallimento o felicità/tristezza, ma in base ai rimpianti che potremmo avere se non facessimo quella cosa. Sono questi il miglior metro con cui misurare la validità delle nostre azioni nel lungo periodo.

Scrivere

foto di rawpixel, via Unsplash

foto di rawpixel, via Unsplash

Un modo per orientarsi nella confusione dei propri pensieri è scrivere quello che ci passa per la testa. Ci sono un sacco di tool e strumenti che possono aiutarci, ma – assicura Mark – scrivere ci impone di organizzare e concretizzare (almeno su un foglio) tutto quello che ci passa per la testa in successione: i pensieri fumosi avranno una struttura. Inoltre la scrittura ha il potere rivelare la logica dei propri pensieri (o la sua totale assenza) e ha la potenza di mostrare anche gli aspetti più nascosti delle proprie considerazioni.

E se non ci va di scrivere proprio tutto, possiamo però almeno scrivere i costi e i benefici di una determinata azione, aggiungendo anche i termini temporali di un particolare beneficio e/o costo. E possiamo anche scrivere le motivazioni che ci spingono a compiere un’azione. Ad esempio, perché iniziamo un nuovo progetto? Qual è la molla che ci spinge a farlo? Scriverlo ci permette di guardare in faccia il vero motore che sta dietro alla nostra azione e capire così se ne vale veramente la pena.

Immagine di copertina di  rawpixel, via Unsplash

Di panini, contanti e pagamenti smart: una esperienza personale

Quello che stai per leggere è un articolo sponsorizzato

Provate a pagare qualcosa sotto i dieci euro in qualsiasi esercizio commerciale con la vostra carta di credito (o carta prepagata). Io c’ho provato una volta mentre ero in viaggio: un panino e una bottiglietta d’acqua, costo 6 euro. Io avevo solo una banconota da 5 euro in tasca. Volevo pagare con la carta e il cassiere mi ha detto che non gli conveniva accettare il pagamento elettronico perché le commissioni erano pari a quanto avrebbe incassato (se non di più). Quella volta né io, né quell’esercizio commerciale usavamo Satispay. E quindi lui si è dovuto accontentare dei miei 5 euro e io sono rimasto senza contanti.

Satispay: il pagamento smart semplice, come pagare un panino.

Satispay – leggenda narra – nasce proprio per pagare il caffè al bar: un metodo semplice, elettronico che possa essere utilizzato da tutti coloro che dispongono di uno smartphone e una connessione a internet. È una piattaforma indipendente dai normali circuiti delle carte di credito e di debito, per questo può permettersi di non chiedere commissioni sotto i dieci euro.
Già un sacco di persone lo utilizzano per pagare nei negozi, negli e-commerce, acquistare ricariche telefoniche, pagare le multe e le tasse universitarie attraverso pagoPa, pagare il bollo auto. C’è poi chi lo usa come salvadanaio digitale in cui conservare i risparmi in vista di una spesa futura e c’è, infine, chi lo usa per fare delle donazioni a enti no-profit o podcast che parlano dell’innovazione tecnologica, sociale e culturale del Sud Italia (quanti ve ne vengono in mente?!?). Scherzi a parte, se vi consiglio di usare Satispay è anche perché per le transazioni online sotto i dieci euro c’è solo lo 0,5% di commissioni (a carico di chi le riceve). Mentre se pagate in un negozio fisico e state sotto i dieci euro NON ci sono commissioni: quindi guadagno netto del 100% per voi (nel caso foste un negoziante) e per i vostri clienti (per conoscere tutti i costi consultate satispay.com/it/costi).

Start Me Up incluso nel programma Satispay for Creator

satispay for creator: pagamenti smart e donazioni smart

Satispay ha scelto Start Me Up per far conoscere a chi produce contenuti online Satispay for Creator. Grazie a questo nuovo servizio chiunque esprime la propria creatività online può ricevere donazioni in quattro semplici mosse:

  1. iscriversi gratis a Satispay Business;
  2. creare un negozio online dal pannello di controllo;
  3. generare il link per raccogliere le donazioni;
  4. fare sapere a tutti che è possibile sostenere il proprio progetto attraverso Satispay.

Se scarichi Satispay, accedi con il codice STARTMEUP e concludi l’iscrizione entro 10 giorni ottieni 5 euro sul tuo conto Satispay! Trovi tutte le informazioni necessarie e i dettagli qui. Una volta aperto il conto potrai utilizzarlo sia per le donazioni che per le tue spese, nei negozi fisici o i portali online.

Chi c’è dietro Satispay?

Satispay è un progetto che nasce dall’idea di tre ragazzi di Cuneo (Alberto Dalmasso, Dario Brignone e Samuele Pinta) che nel giro di 5 anni ha conquistato la fiducia di più di 480.000 utenti attivi con un tasso di crescita di 1.000 utenti al giorno. I dati sono forniti dall’azienda stessa che conta oltre 60.000 punti vendita fisici e online che accettano pagamenti con Satispay distribuiti su tutte le province italiane. Secondo lo studio effettuato dall’Osservatorio sul Mobile Payment&Commerce del Politecnico di Milano poi, nel 2017 Satispay ha coperto in Italia, con oltre 35 milioni di euro, il 50% del valore totale delle transazioni eseguite in store via smartphone. Un volume di transazioni pari complessivamente a 70 milioni. Niente male, eh?
Al momento per Satispay lavorano circa 80 persone, divise negli uffici di Milano e Londra. In questi anni l’azienda ha potuto contare su partner e investitori istituzionali come Banca Alpi Marittime, Banca Etica, Banca Sella Holding, e privati come Jonathan Weiner e Ray Iglesias (former executives del progetto Google Wallet e cofondatori di Money2020) e Jon Koplin (Responsabile della Divisione International di Google Wallet), per citarne solo alcuni.

Inizia a pagare in modo smart, usa Satispay per le tue donazioni a Start Me Up online e offline. E io, la prossima volta, non resterò più senza contanti per colpa di un panino.

Foto di copertina di Eaters Collective, via Unsplash

Start Me Up è su Patreon, lo sapevi?

Start Me Up sbarca su Patreon! E per farlo Fabio ha dovuto vincere la sua naturale ritrosia per i video e farne uno in cui descrive cosa è Start Me Up. Se non lo avete già visto potete rimediare qui.

E quindi chiunque può diventare un produttore di Start Me Up con una semplice donazione. Le offerte sono diverse e ognuno può scegliere quella che preferisce. In base a quanto si decide di donare ci sono delle ricompense.

badget Patreon

Non solo Patreon, puoi usare anche Satispay.

Oltre Patreon è possibile fare una donazione a Start Me Up attraverso Satispay, startup fintech estremamente attiva nel suo campo che appoggia e supporta Start Me Up in questa nuova sfida: farsi sostenere dai propri ascoltatori.

badget satispay

Il sostegno diretto di chi ogni giorno decide di ascoltare un podcast prodotto in maniera indipendente è una pratica sempre più usuale per chi produce contenuti online. Ma soprattutto per chi, come Start Me Up, vuole essere libero di raccontare ciò che ritiene più opportuno e, allo stesso tempo, vuole garantire un servizio di qualità in modo costante. Non staremo quindi a dire quanto importante sia il vostro sostegno, ci preme sottolineare che da parte nostra c’è e ci sarà sempre l’impegno per garantire un prodotto all’altezza delle vostre aspettative.

Hai già visto il Negozio di Start Me Up?

A corto di denaro? Puoi comunque sostenere Start Me Up GRATIS!

FaRo, Fabbrica di saperi a Rosarno: finalmente ci siamo!

Sabato 20 ottobre alle ore 17 FaRo – Fabbrica dei Saperi a Rosarno (RC) apre ufficialmente! Dopo un anno di lavori il centro apre le sue porte ai cittadini, alle idee, alla manualità e alla voglia di stare insieme: lo scopo è dar vita ad un nuovo centro culturale in Calabria. E noi non possiamo che esserne felici!

Cosa è Faro – Fabbrica di saperi a Rosarno

Faro è uno dei progetti vincitori del bando Culturability del 2017. L’obiettivo era riattivare e trasformare la Mediateca “Foberti” di Rosarno da luogo di semplice consultazione di libri a centro di formazione, produzione e accesso alla cultura e all’informazione, offrendo servizi utili e nuovi per la cittadinanza. Poco meno di un anno fa Start Me Up aveva intervistato Erica Astolfi e Ettore Guerriero, due membri del team che hanno lavorato al progetto. Avevano da poco festeggiato l’inizio dei lavori che li ha visti impegnati per tutto l’anno e che si concluderanno questo sabato.

Faro - fabbrica dei saperi player

Il programma dell’inaugurazione di FaRo

Il programma di FaRo - fabbrica dei saperi a RosarnoQuesto sabato la festa di inaugurazione partirà alle ore 10 del mattino con “Che futuro FaRei?”:  un grande foglio bianco verrà messo a disposizione dei cittadini più piccoli che saranno liberi di colorare e immaginare la città dei propri desideri. Alle 16 ci sarà poi l’esibizione della Banda giovanile di Laureana di Borrello che animerà le vie cittadine e alle 17, infine, l’apertura ufficiale del centro FaRo, alla presenza delle istituzioni e delle autorità.

Per seguire le attività e restare in contatto con FaRo – Fabbrica di Saperi a Rosarno facebook.com/FaroRosarno.

Foto di copertina: un’immagine della festa del 6 novembre 2017, via.

Non c’è sviluppo senza il bello e gli ultimi: la ricetta di Sud Innovation

Quando fui nominato Presidente della Fondazione CON IL SUD, decisi di incontrare un po’ di esperienze significative del “sociale”. Incontrai a Napoli uno dei più intelligenti ed innovativi operatori che lavora in un quartiere famoso, nel centro della città. Mi disse: “Se riusciamo ad incrociare il bello e gli ultimi faremo veramente sviluppo”. Pensai che era un bell’auspicio, un po’ visionario. La realtà che vedo, mi dice che aveva perfettamente ragione.

Carlo Borgomeo – Presidente Fondazione con il Sud

Così si chiude il libro “Sud Innovation – patrimonio culturale, innovazione sociale e nuova cittadinanza (FrancoAngeli, Milano 2015)” e se riporto questo passaggio non è certo per rovinarvi il finale. È solo che – come ogni cosa nella vita – il senso di un percorso lo si capisce al termine del viaggio. E questo libro è un viaggio reale in quella che è al momento l’innovazione –sociale applicata al patrimonio culturale – nel Sud Italia. Il mio è un parere da spettatore, o meglio operatore, che da qualche anno con il podcast racconta storie come quelle raccolte in questo volume. Alcune sono stranote e grazie a Dio hanno superato la fase di startup, altre (che non conoscevo, lo ammetto!) mi hanno lasciato la voglia di saperne di più e chissà, magari raccontarle attraverso le voci dei protagonisti in una delle prossime puntate.

Un Sud Italia lontano dagli stereotipi che esiste e resiste

Nella presentazione del libro che se ne fa sul sito c’è anche un po’ il punto che ha animato Start Me Up. Il podcast da sempre ha provato a raccontare un Sud Italia diverso, lontano dagli stereotipi del folklore e delle macchiette regionali. Forse oggi lo fa con maggiore consapevolezza, certo che queste non rappresentano più delle semplici deviazioni a un percorso già stabilito, ma delle vere e proprie vie; se d’uscita, decidete voi da cosa. Ma dicevamo della presentazione:

Nella sconfortante situazione generale in cui versa il patrimonio culturale e ambientale italiano, tante iniziative e progetti, promosse perlopiù da cittadini appassionati e determinati, hanno iniziato a destare l’attenzione per aver riaperto luoghi, riqualificato spazi, rigenerato quartieri e riattivato relazioni comunitarie, creando sviluppo locale e arricchimento culturale.

L’aspetto interessante è il filo rosso che accomuna tutte queste storie e che, nella diversità di luoghi e persone, presenta caratteristiche comuni. C’è la voglia di riappropriarsi di luoghi che gli enti preposti, per vari motivi, sono incapaci di gestire, ma anche la volontà di lavorare sul ruolo della comunità. Due aspetti che portano automaticamente e inevitabilmente a inventare una nuova economia. Questa economia sarà così forte da, non dico sostituire, ma almeno affiancare quella preponderante? È la sfida che le storie raccolte in questo libro portano avanti e che, per avere successo, devono mettere in contatto il bello e gli ultimi. Nonostante tutto, nonostante tutti.

Sud innovation. Patrimonio culturale, innovazione sociale e nuova cittadinanza

  • Autori e curatori: Stefano Consiglio, Agostino Riitano
  • Contributi: Alessandro Bollo, Carlo Borgomeo, Fabrizio Cobis, Roberto Ferrari, Alessandra Gariboldi, Alessandro Hinna, Marcello Minuti, Tommaso Montanari, Alessia Zabatino
  • Editore: Franco Angeli (17 ottobre 2016)

Faragola si salva con il turismo collaborativo e il tour sharing

Una visita a Faragola permette di salvarla. Si, non stiamo esagerando, ma ci riferiamo al progetto #SaveFaragola, una maratona di solidarietà 2.0 basata sui principi del turismo collaborativo e il tour sharing. Dal 16 agosto scorso – e fino al 30 settembre – è possibile prenotare visite guidate ed eventi speciali con guide professioniste: l’obiettivo è di raccogliere fondi da destinare al sito archeologico di Faragola (Ascoli Satriano – FG), danneggiato gravemente nella notte tra il 6 e il 7 settembre 2017 durante un incendio di natura dolosa.

Inoltre grazie al format ILLUMINATI AD ARTE i partecipanti potranno utilizzare candele, fiaccole o lanterne per l’illuminare i monumenti da loro scelti! In questo caso le visite si svolgeranno rigorosamente o al tramonto o al crepuscolo.

Oltre alla salvaguardia del sito archeologico di Faragola, queste iniziative vogliono valorizzare la figura del Professionista della Cultura che decide di donare una parte del ricavato della propria prestazione professionale, a favore della Valorizzazione di un Bene Culturale.

Come quindi si può Salvare Faragola?

Per salvare Faragola e quindi partecipare attivamente a #savefaragola è semplice:

  • Scegli un evento della dal portale iloveguido.it nella pagina dedicata al progetto;
  • Porta un amico e passa parola. Se non si può partecipare, è possibile scegliere un tour e donarlo. Si farà felice due persone: chi dona e chi lo riceve!

Chi vuole salvare Faragola?

Immaginiamo tutti ma in uesto caso vi parliamo delle due associazioni che stanno promuovendo #savefaragola.

The Monuments People è una associazione di Promozione Sociale nata dall’idea di quattro guide turistiche abilitate presso la Regione Puglia con l’obiettivo di avere uno strumento per operare insieme nell’ambito della promozione, valorizzazione e soprattutto della fruizione dei beni culturali e ambientali. La scelta del nome richiama un il film “The Monuments Men” che racconta le gesta di quegli uomini e donne che durante e dopo la Seconda Guerra Mondiale riuscirono a ritrovare e a salvaguardare innumerevoli capolavori della nostra storia dell’arte. Loro non si definiscono semplici “Men” ma preferiscono “People”, perché l’intento è coinvolgere il maggior numero di persone.

Guido tour sharing nasce nel 2015 come spin off per la sperimentazione di pratiche collaborative per favorire un turismo più inclusivo. Nel 2017 si costituisce Impresa Sociale grazie anche al sostegno della Fondazione Cariplo. Obiettivo è quello di utilizzare le nuove tecnologie per valorizzare il patrimonio culturale di una città attraverso una mediazione dal vivo e l’integrazione tra residenti e turisti individuali.

Sei una guida turistica e vuoi inserire un tuo tour su iloveguido? Puoi mandare una mail o iscriverti al gruppo facebook “Amici di #savefaragola”.

 

Nelle Madonie: “Il futuro ha un cuore antico”

Si intitola “Il futuro ha un cuore antico” ed è il bando che permetterà a singoli o gruppi di persone di accedere a un percorso di accelerazione della durata di sei mesi presso l’EXMA, il nuovo “community hub” delle Madonie. Scadenza il 30 settembre.

Si cercano progetti innovativi che valorizzino l’identità territoriale delle Madonie

Il bando si rivolge a singoli o gruppi che intendano sviluppare progetti innovativi nell’ambito dei settori dell’agroalimentare, della valorizzazione dell’identità territoriale delle Madonie, delle gestione sostenibile e rinnovabile delle risorse energetiche, individuati coerentemente con gli orientamenti strategici della SNAI Madonie.
Saranno selezionati 10 team di innovatori e/o startup ai quali accederanno al programma di supporto per un valore equivalente a 5.000 Euro che prevede l’utilizzo dello spazio di coworking e dei laboratori, il supporto tecnico alla prototipazione di prodotti e servizi, attività di tutoraggio per lo start-up di impresa, formazione imprenditoriale e specialistica, iniziative di networking.

Grazie all’accordo di collaborazione tra EXMA, il Consorzio ARCA e l’associazione CLAC, i beneficiari del percorso di accelerazione potranno anche accedere all’incubatore gestito dal Consorzio ARCA presso l’Università di Palermo e al community hub Cre.Zi Plus gestito dallo stesso Consorzio e da CLAC presso i Cantieri Culturali alla Zisa.

timeline della call exma Il futuro ha un cuore antico dell'incubatore la cui sede è nelle Madonie

EXMA: il nuovo “community hub” delle Madonie

EXMA è il nuovo “community hub” delle Madonie e risponde alle esigenze di concentrare capitale umano e saper fare in un luogo definito ed ospitale, a sostegno della permanenza e del rientro di persone, idee e capitali sul territorio madonita.
L’iniziativa nasce da una collaborazione tra il Comune di Petralia Sottana e l’azienda Easy Integrazione di Sistemi con l’intento di promuovere nuove forme di lavoro e impresa sostenute dalle tecnologie digitali.

EXMA è anche sede del MALL – Madonie Living Lab, una rete che ha per obiettivo lo sviluppo di tecnologie e processi innovativi nei territori rurali, che vede la partecipazione, tra gli altri, dell’Unione dei Comuni delle Madonie, dell’Università di Palermo e del Consorzio ARCA.

Il bando sarà promosso nei comuni del comprensorio Madonita e scade il 31 agosto 2018. Per maggiori informazioni exmaofficinecreative.it.