Contenuti da leggere e guardare: anche Start Me Up apre i suoi archivi.

Lo abbiamo annunciato nel podcast pubblicato l’11 marzo 2020. I contenuti riservati alla community Patreon di Start Me Up saranno disponibili a tutti, gratuitamente, fino al 3 aprile.

Sono contenuti da leggere, guardare, ma soprattutto ascoltare. Sono Web Café e Casi Studi e se quest’ultimi prendono in esame le strategie che hanno portato al successo alcune startup del Sud Italia, negli altri trattiamo temi più generici come marketing online, grafica, copywriting, per dirne alcuni.

Per accedervi vi basta andare sul profilo Patreon ufficiale oppure, potete passare dall’elenco completo dei contenuti elencati nel solito post. Vi consiglio di passare da lì che c’è una descrizione sommaria dei contenuti presenti.

Mettere a disposizione i nostri contenuti da leggere è il modo che abbiamo per essere vicini a chi deve rimanere a casa nei giorni della quarantena. Offriamo così qualcosa di più del podcast, degli articoli settimanali e delle offerte di lavoro e i link per pensare che quotidianamente trovate nel gruppo Start Me Up – gruppo d’ascolto.

Gli altri posti dove trovare contenuti da leggere durante la quarantena

Mettiamo qui i link ai siti e/o portali che hanno deciso di creare una programmazione speciale per questi giorni di quarantena con contenuti da leggere, guardare, studiare e ascoltare. L’elenco sarà aggiornato una volta al giorno (più o meno intorno alle 15) anche con le vostre proposte che potete inviare qui:

Aggregatori

  • Solidarietà digitale
  • hafricah.net (che raccoglie una serie di link dove trovare contenuti interessanti)
  • Il sito di Maker Faire Roma con un elenco di siti dedicati alla cultura
  • Sempre Maker Faire Roma ha lanciato Maker Learner, serie di contenuti selezionati
  • Quarantine + Creativity = Quarantivity. A place to collect, connect and share all the positive outcomes from around the globe
  • Condividere storie, non il virus
  • Raccolta di contenuti e piattaforme da usare per progetti educativi (in inglese)
  • Raccolta di contenuti e risorse per audiofili (c’è anche Vacuamoenia)
  • lospaziobianco.it ha fatto una lista con tutti i portali che distribuiscono fumetti in questo periodo
  • Virtual Assembly mette insieme tutte le risorse utili per affrontare questo periodo di quarantena. È un po’ quello che trovate qui ma con risorse per lo più in lingua inglese

Piattaforma di e-learning da utilizzare gratuitamente

  • Devied – piattaforma di Smartworking ed eLearning per sviluppatori software
  • Italdata S.p.A mette a disposizione di scuole ed università il portale e-learning scuola.kon.it

Eventi online

  • Sono aperte le iscrizioni alla QuarantineJam (Jam sulla creazione di videogiochi per partecipare da remoto)
  • Fino al 29 marzo ci si può iscrivere a Datathon, evento di co-progettazione di MUV dedicato alla valorizzazione dei dati
  • Avanscoperta, azienda di consulenza e formazione nell’ambito dello sviluppo software, ha messo in piedi un calendario di eventi online

Lezioni e corsi online su argomenti vari

  • Il canale di CookPad Italia ha un palinsesto ricco di lezioni di cucina
  • AttiviamoEnergiePositive è un ciclo di formazione e webinar gratuiti lanciato da Produzioni dal Basso in collaborazione con Banca Etica e Gruppo Assimoco
  • Accesso gratuito a NinjaPro – il portale di contenuti premium curato da Ninja Marketing – per 60 giorni
  • Guarda i talk dell’edizione 2019 del Web Marketing Festival che in questi giorni ha lanciato Start The Future
  • Una serie di corsi gratuiti proposti dalle più importanti università del mondo
  • Per chi volesse mantenersi in forma, la palestra Push Up di Roma pubblica sul suo canale Youtube lezioni a cadenza regolare (potete comunque recuperare i video in seguito)
  • Scuola Superiore d’Arte Applicata del Castello Sforzesco trasmette le sue lezioni in diretta Facebook
  • Maratona di lezioni su sviluppo d’impresa e gestione finanziaria, smart working e digital transformation, comunicazione digitale e marketing. Tutto su rinascitadigitale.it
  • Contenuti formativi sul tema dell’empowerment femminile a cura di Chayn Italia
  • EF English Live offre 1 mese di accesso gratis ai corsi online, senza impegno
  • Peekaboo apre a tutti la sua Academy fino al 3 aprile. Per avere il proprio accesso è necessario inviare una mail a social@peekaboo.vision con oggetto “#rialzatitalia” e attendere la risposta
  • wid.academy regala agli utenti un corso a scelta tra quelli presenti sulla loro piattaforma. Lo dicono qui
  • lacerba.io propone 30 corsi online gratuiti

Iniziative online create ad hoc per la quarantena

  • covid19italia.help Iniziativa di Hacker civici che mettono insieme tutte le info da sapere sulla diffusione del Covid (sono gli stessi di terremotocentroitalia.org)
  • Idee per come passare le giornate su Instagram
  • Chiara Alessi su twitter ogni giorno dispensa una lezione sul design italiano
  • Su gofundme.com ci sono parecchie raccolte fondi a sostegno di vari ospedali italiani
  • La casa editrice Mesogea propone letture dei libri da loro pubblicati in piccole pillole audio
  • Korg, una delle più importanti aziende nel campo della musica, rilascia gratuitamente la sua app per creare musica
  • Lo stesso fa Moog (ma solo per utenti Apple)
  • Mash&Co. concede i contenuti gratuitamente dell’app richiedendo il codice su hello@mashandco.it
  • Pagina fb di Idib group (ogni giorno descrive un tool per lavorare da remoto)
  • Vacuamoenia lancia Empty Cities, diretta streaming di suoni di ambienti
  • Andrea Bartoli di FARM Cultural Park chiede a 100 amici-visionari: “Cosa (e come) potrebbe e dovrebbe diventare l’Italia e/o il Mondo non appena avremo messo il punto a questa terribile pandemia?”. Pubblica le risposte giorno dopo giorno sul proprio profilo Facebook
  • Impact Hub Siracusa offre consulenze gratuite online di 30 minuti

Ebook e fumetti

  • Il Saggiatore a cadenza regolare mette a disposizione un ebook da scaricare gratuitamente. In questa pagina
  • Adelphi fa lo stesso ma solo con l’ebook di “In cerca di guai” di Mark Twain
  • La piattaforma Manga Plus mette a disposizione le copie degli ultimi fumetti pubblicati (in inglese e spagnolo)
  • Lo stesso fa Coconinopress con i suoi titoli in italiano
  • libreriamo.it elenca cinque siti da cui è possibile scaricare ebook gratuitamente
  • Bookrepublic ti permette di scaricare gratis un ebook da questo catalogo
  • Sergio Bonelli Editore dona un Bonelli al giorno
  • Si può scaricare gratis Dellamorte Dellamore di Tiziano Sclavi da ilpost.it

Bambini

Vedere film e cortometraggi

  • Distribuzione di comunità propone uno streaming di comunità a cui si accede con una piccola donazione
  • Clara Miranda Scherffig elenca su che-fare.com le piattaforme che distribuiscono film e serie tv
  • 10 documentari sul mondo Hip Hop selezionati da dlso.it
  • Guida a cura de La Guarimba per sopravvivere alla quarantena
  • 5 documentari di architettura da vedere consigliata da professionearchitetto.it
  • Da oggi Sky Arte è in streaming gratuito per tutti (in Italia)

Correre ai confini di Luca Naso si ferma a causa del Coronavirus: ma è solo un arrivederci



Lo scorso 10 marzo Luca Naso ha annunciato la sospensione di Correre ai confini. Le restrizioni del Governo dovute alla diffusione del Coronavirus non hanno infatti permesso a Luca di raggiungere il suo obiettivo, quello cioè di percorrere l’intero bordo dell’Italia di corsa. Noi abbiamo seguito la sua avventura dall’inizio e nei nostri piani avremmo voluto festeggiare con lui il giorno 100 dell’impresa. In questo podcast ripercorriamo questi due mesi e mezzo circa di corsa attraverso le parole di Luca e alcuni audio estratti dai suoi video. In attesa di rivederlo sulle strade del bordo di Italia.

Correre ai confini un’impresa sportiva e collettiva

“Correre ai confini” è un’impresa sportiva che prevede di percorrere tutta l’Italia correndo lungo il confine di stato, toccando tutte le regioni della nazione. Il tracciato è di oltre 8.000 km e sarà corso da Luca in solitaria, con singole tappe di 15 km di media, 2 tappe al giorno, per sei giorni la settimana. Il progetto prevede la partecipazione e il coinvolgimento dei gruppi locali. Un elemento che ha reso impossibile l’impresa in un momento di emergenza dovuto al Coronavirus e alla diffusione del Covid-19.

La citazione di Luca di Correre ai confini

Ma Correre ai confini è solo sospeso: non appena tutto passerà Luca è pronto a tornare in strada e raggiungere il suo obiettivo. Seguilo sui suoi canali ufficiali.


Questo podcast è realizzato grazie a:


> Fai la tua donazione a Start Me Up su Patreon o Satispay, entra a far parte della community degli innovatori del Sud Italia e accedi a questi contenuti esclusivi!

> Commenta questo podcast sul gruppo facebook di Start Me Up e trova lavoro nel mondo startup.

> Iscriviti a Satispay con il codice promo STARTMEUP e ottieni 2 euro sul tuo account! Per info e dettagli, clicca qui.

I brani usati in questo podcast

– Blind Love Dub by Jeris (c) copyright 2017 Licensed under a Creative Commons Attribution (3.0) license. http://dig.ccmixter.org/files/VJ_Memes/55416 Ft: Kara Square (mindmapthat)

– Love Jones by @nop (c) copyright 2015 Licensed under a Creative Commons Attribution license. http://dig.ccmixter.org/files/Lancefield/50789

– Moonrise by Chad Crouch
https://freemusicarchive.org/music/Chad_Crouch/Arps

Trasparenza, responsabilità e fiducia per affrontare al meglio la quarantena



Questo è il primo podcast che viene pubblicato all’indomani del decreto del Governo che ha di fatto obbligato tutti gli italiani a rimanere a casa. La quarantena si è resa necessaria in quanto unico modo per contenere la diffusione del Coronavirus e contrastare così l’avanzamento dell’epidemia Covid19.

Non posso non ammettere che sto accusando questo clima e questo podcast anomalo ne è la prova. Un podcast anomalo nella struttura che parte dalla definizione di smart working e che racconta come alcune startup e progetti amici di Start Me Up stanno affrontando questi giorni di quarantena. Dico alcune perché la scelta è stata guidata dalla confidenza che io ho con ognuno di loro e soprattutto dalla loro disponibilità visto che sono giorni davvero impegnativi per ciascuno di noi.

Smart working non è lavoro da remoto

Iniziamo dalla definizione di smart working che ci ha regalato Francesco Biacca nel podcast pubblicato all’incirca un anno fa. Il termine smart working in questi giorni è stato intuito come sinonimo di lavoro da remoto, in realtà non è così. Basta ascoltare l’intervista a Francesco per capire perché. Se proprio non si è convinti, potete anche vedere l’intervento di Francesco al TEDxCapoPeloro dal cui palco ha spiegato come questa metodologia di lavoro ha cambiato la sua vita.

Dalla definizione di Francesco prendiamo tre parole: trasparenza, responsabilità e fiducia. Sono questi tre valori che ci guidano per il resto del Podcast e ci aiutano a raccontare come alcune startup stanno reagendo a questo periodo molto particolare.

Trasparenza

Trasparenza è quella dimostrata e voluta dal gruppo di hacker civici di Ondata che ha creato dal basso un sistema che rendesse leggibili dalle macchine i dati sul coronavirus pubblicati quotidianamente dalla Protezione Civile. Tutto è partito con un tweet e ora il sistema è stato implementato. Ce lo racconta Andrea Borruso.

Responsabilità

Responsabilità come quella messa in campo dalle tante startup che in questi giorni lavorano più del solito perché garantiscono servizi online e a domicilio. Il nostro pensiero va a Pharmap o Restore mentre vi segnaliamo DaVinci Salute. Insieme a Stefano Casagrande e Anna Cocozza, rispettivamente cofounder e Growth Manager dell’azienda, vi raccontiamo quali sono i servizi che questa startup mette a disposizione a medici e pazienti, eccezionalmente per questo periodo, gratis.

Fiducia

Fiducia nel fatto che domani sarà un giorno migliore e che oggi dobbiamo fare di tutto per crederlo. Per questo vi segnaliamo i contenuti che alcune startup e servizi online stanno offrendo gratis a tutti gli utenti. Noi parliamo con Flavia Giordano di Cookpad Italia che sta lavorando a un palinsesto ricco di dirette e video tutorial a tema culinario. Qui il link al gruppo e qui il canale youtube.

Link utili per affrontare la quarantena

Ma non ci sono solo loro. Il sito di Maker Faire Roma ha messo online una lista di siti web che offrono contenuti culturali gratuitamente. In più stanno lavorando a un palinsesto verticale su vari argomenti educativi coinvolgendo diversi enti, tra cui anche noi di Start Me Up.

Anche io, di comune accordo con la nostra Community che sostiene mensilmente il podcast, ho deciso di mettere a disposizione l’archivio di Start Me Up gratis, per tutti fino al 3 aprile. Questi contenuti si aggiungono a quelli che solitamente trovate su questo blog e nel gruppo Facebook (ad accesso gratuito).

Stiamo cercando di tenere traccia di tutti i contenuti da leggere e consumare online durante questo periodo di quarantena. Li raccogliamo qui. Se vuoi, dacci una mano, segnalaceli.


Questo podcast è realizzato grazie a:


> Fai la tua donazione a Start Me Up su Patreon o Satispay, entra a far parte della community degli innovatori del Sud Italia e accedi a questi contenuti esclusivi!

> Commenta questo podcast sul gruppo facebook di Start Me Up e trova lavoro nel mondo startup.

> Iscriviti a Satispay con il codice promo STARTMEUP e ottieni 2 euro sul tuo account! Per info e dettagli, clicca qui.

L’immagine di copertina è di Adi Goldstein via Unsplash

Non solo Coronavirus nella Camera a Sud di marzo

Non so le vostre, ma la nostra bacheca è tutta un susseguirsi di “evento annullato” o “evento posticipato” causa Coronavirus. Piuttosto però che fare un elenco di tutto quello che ci siamo persi, dopo avervi dato una mano con lo smart workingabbiamo deciso di dedicare questo numero di Camera a Sud sì al Coronavirus ma mettendo in risalto le azioni di alcuni dei nostri ospiti. In più parliamo anche di Piano per il Sud, visto che è stato presentato neanche un mese fa dal Governo Italiano. E infine, facciamo i complimenti alla nostra “voce” preferita!

No rimborsi ma nuovi modelli di sviluppo!

Avrete certamente letto delle disposizioni del Governo e delle conseguenze che un provvedimento del genere ha portato in un ambito molto precario (anche in periodo di pace) come quello della cultura in Italia. Ne ha parlato nello specifico Bertram Niessen in un suo articolo su CheFare. Qui però ci interessa di più cogliere la provocazione lanciata sempre dalle pagine di CheFare da Emmanuele Curti. Secondo Curti la richiesta di rimborso che il mondo della Cultura ha avanzato al Governo è una forma di validazione di un sistema che lo stesso mondo culturale sta cercando di cambiare. L’invito allora è quello di cogliere l’emergenza legata al Coronavirus come possibilità concreta di rimodulazione dell’intero sistema. Scrive Curti:

Non chiediamo quindi soldi indietro (per rimanere chiusi nelle vecchie logiche), approfittiamo invece per chiedere che vengano messi in atto investimenti perché, usciti dalle case, la questione culturale diventi occasione per ripensarci. L’impresa culturale e creativa italiana (ma anche europea ed internazionale) sta generando nuove forme del vivere sociale, attivando nuovi sistemi linfatici: ed è su questi canali nuovi, puri, che dovremmo scommettere.

Un ripensamento che deve naturalmente partire da quegli esperimenti che in tutta Italia funzionano e che riconoscano alla cultura non un carattere identitario ma uno “di ricerca e costruzione di un nuovo senso di comunità”.

Il tavolo di confronto tra il Governo e i rappresentanti del mondo culturale si è tenuto al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo il 4 marzo 2020, dal titolo “Effetti dell’emergenza del coronavirus del settore delle imprese culturali”. Qualche minuto fa è stata pubblicata una nota da parte della Rete “Cultura e Sociale muovono il Sud” che racconta l’esito dell’incontro e tutto l’iter di come si sia arrivati al tavolo con le Istituzioni.

Il tavolo – si legge nel comunicato – ha dato la possibilità di far emergere non “solo il “cosa”, ma anche il “chi””. Dove il “cosa” è rappresentato dalle proposte a sostegno del settore in questo particolare periodo di difficoltà, mentre con il ““chi” viene richiesta l’immediata operatività della norma sulle imprese culturali (LEGGE 27 dicembre 2017, n. 205, commi 57 e segg.), che consentirebbe a molti soggetti, indipendentemente dalla loro natura e dimensione ma riconducibili alle attività, di riconoscersi ed essere riconosciuti, e usufruire delle eventuali misure di sostegno.”.

Sul sito delle Officine Culturali è possibile leggere l’intero comunicato a firma della Rete Cultura e Sociale muovono il Sud.

Paura da Coronavirus? Ecco le dieci regole di Franco Armino

Restiamo in tema Coronavirus perché l’azienda Housatonic ha tradotto in immagini il decalogo contro la paura scritto dal poeta e paesologo Franco Armino,


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Housatonic (@housatonic_wmie) in data:

Mentre qui lo potete leggere dalle pagine di vita.it

Cosa c’è dentro il Piano per il Sud e cosa se ne dice?

Altro grande tema del mese passato è il piano per il Sud, redatto dal Ministro per il Sud Giuseppe Provenzano e lanciato dallo stesso Primo Ministro Giuseppe Conte il 14 febbraio scorso da Gioia Tauro, in Calabria. C’è la registrazione della diretta dell’intero intervento (dura all’incirca due ore)

Qui avete modo di leggere cosa è previsto nel piano.

Se siete spaventati dalla mole di informazioni vi consigliamo di seguire il blog di Vitaliano D’Angerio sul sito del Sole24ore. Proprio qualche giorno fa ha promesso che avrebbe analizzato a puntate il Piano per il Sud, qui c’è la prima.

Il piano ha raccolto critiche e lodi. Tra tutti gli articoli che abbiamo letto vi segnaliamo due interventi che commentano il piano e ne elogiano la coerenza e la struttura. Lo fa Filippo Barbera dalle pagine del Manifesto che parla del piano come dell’esito di uno sforzo intellettuale e di conoscenza, oltre che di responsabilità politica e partecipazione diffusa che ha coinvolto partiti e movimenti, amministratori locali, parti economiche e sociali, mondo della cultura, Università e centri di ricerca, terzo settore, volontariato, cittadinanza attiva”.

E poi c’è il commento del Forum Diseguaglianze e diversità che da tempo parla della necessità di rimettere al centro le aree interne del Paese per dare un nuovo sviluppo all’Italia intera. Il Forum vede il piano per il sud come una vera e propria novità “perché fonda le proposte su una diagnosi, affianca e interseca obiettivi di competitività con obiettivi di giustizia sociale e ambientale, e concepisce l’immediata accelerazione degli interventi come l’anticipazione di una svolta per il medio-lungo termine”.

Cristina Marras nella newsletter di Bello Collective!

Per la rubrica my friends are better than yours, segnaliamo che Berlin 1989 il podcast in due parti che racconta i giorni di Berlino successivi al crollo del muro realizzato dalla voce della nostra sigla, Cristina Marras è tra gli ascolti segnalati della newsletter di Bello Collective.

Bello Collective è la community che raccoglie a livello mondale tutte le produzioni indipendenti audio più interessanti e di avanguardia. Felici del risultato che ha raggiunto Cristina a cui auguriamo sempre il meglio!

La foto di copertina è di CDC on Unsplash