I miti da sfatare sul growth hacking e un esperimento

Questo articolo è stato scritto con il supporto di Dario Flaccovio Editore

Più che sul libro sul growth hacking, quello scritto da Luca Barboni e Federico Simonetti è un libro sui miti da sfatare sul growth hacking. Quello che può sembrare un espediente acchiappa click è in realtà la prima sensazione che ho avuto quando sono arrivato alla fine di Growth Hacking: fai crescere la tua impresa online che fa parte della collana Webbook di Dario Flaccovio Editore. In questo articolo elencherò quelli che a me sono sembrati i miti più eclatanti e in più vi sottoporrò a un esperimento. Ma dovrete arrivare fino alla fine. Per cominciare, una nota sugli autori.

Gli autori di Growth Hacking: fai crescere la tua impresa online

Il libro – la cui prima edizione è di metà 2017 – sintetizza per bene la storia e i processi che stanno dietro al Growth Hacking. Per scriverlo Luca Barboni si è affidato a Federico Simonetti che – come scrive lui stesso – era “la persona più intelligente nella stanza” dove si conobbero qualche anno prima della scrittura del libro. Ma non solo lui: all’interno del libro ci sono inserti curati da altri 5 “contributori” che, se avete un minimo di dimestichezza con il mondo del marketing digitale italiano, riconoscerete subito. Stiamo parlando di Matteo Pogliani, Raffaele Gaito, Bernando Mannelli, Claudio Marchetti e Federico Pacilli.

Primo mito da sfatare: il Growth Hacking non è un ricettario

La struttura del libro permette a qualsiasi lettore di farsi una idea piuttosto completa di cosa parliamo quando parliamo di growth hacking. Si parte da una panoramica del mondo delle startup, un concetto che purtroppo sempre più annacquato negli ultimi tempi e che qui gli autori riprendono nell’accezione classica della Silicon Valley: cioè un’azienda che con poco e in modo innovativo riesce a crescere tanto e in poco tempo. E qui viene fuori il ruolo essenziale del growth hacking all’interno della vita di una startup. Ma attenzione! Non stiamo parlando di un ricettario dove trovare quelle azioni che SICURAMENTE ti faranno crescere. Il primo mito sul growth hacking che questo libro sfata è proprio questo: il growth hacking è più un processo che un libretto di istruzioni. Delusi? E questo è niente…

Secondo mito da sfatare: il Growth Hacking non è solo per startup

Il fatto che il growth hacking arrivi dal mondo delle startup non significa certo che sia adatto solo a questo tipo di aziende. Nel libro questo concetto viene articolato per bene e vengono anche riportati i casi di successo di alcune imprese che hanno usato il growth hacking per lanciare un singolo prodotto o di come alcuni imprenditori ormai lo utilizzino quotidianamente nella loro azienda. Ve l’ho detto, è più un processo da attuare all’interno della propria impresa che altro. Un processo che prevede – tra le altre cose – uno stretto contatto con i propri clienti, ma soprattutto con i dati in nostro possesso. Se dovessimo infatti trovare delle parole chiave proprie del growth hacking, una di queste sarebbe certamente “misurare”. Come farlo al meglio? Lo trovate scritto nel libro, dove sono indicati anche alcuni hack (è proprio il caso di dirlo) per farlo non solo al meglio ma anche in meno tempo possibile.

Come passare all’azione?

Growth Hacking: fai crescere la tua impresa online è soprattutto un manuale operativo, naturalmente. Se da un lato descrive le principali caratteristiche del growth hacker all’interno delle aziende, dall’altro analizza e descrive tutti gli aspetti che una società dovrebbe intraprendere nel caso in cui decidesse di attuare processi simili. Perché, non dimentichiamolo e gli autori non smettono mai di ricordarlo, il growth hacking è un processo che coinvolge l’intera azienda: più lo sforzo sarà corale più ci sarà la garanzia di avere dei risultati concreti.

Infine, l’esperimento…

Se a me questo libro ha dato la sensazione di voler scacciare il tanto fumo che negli ultimi anni si è sollevato su questo argomento, spero che questo articolo vi convincerà a leggere Growth Hacking: fai crescere la tua impresa online. E, visto che se siete arrivati a leggere fin qui, in piena ottica growth hacker vi invito a condividere queste poche righe con chi pensate possa essere interessato. Dimostratevi che non ho mica letto questo libro per niente, eh!

La foto di copertina è di Samuel Zeller, via.

Stelio Verzera: «Venite a scoprire LEGO® SERIOUS PLAY®» Primo podcast della nuova stagione di Start Me Up dedicato alla LSPFest di Milano



La prima puntata della nuova stagione di Start Me Up si apre con un amico del programma: Stelio Verzera di Cocoon Projects. Stelio è nel pieno dell’organizzazione della prima LSPFest, evento dedicato a LEGO® SERIOUS PLAY®. La metodologia (di cui vi abbiamo parlato in uno speciale di Start Me Up su Blank Disrupt) attraverso i mattoncini LEGO® facilita il pensiero e la comunicazione, permettendo a persone e team di risolvere i problemi più complessi. «Abbiamo deciso di organizzare questo evento – dice Stelio ai microfoni di Start Me Up – perché LEGO® SERIOUS PLAY® è forse la metodologia più potente che abbiamo utilizzato da quando facciamo questo lavoro». Cocoon Projects è stata una delle prime aziende a portarla in Italia e negli ultimi tempi c’è stato un vero e proprio proliferare di consulenti che «portavano due mattoncini» dicendo di seguire LEGO® SERIOUS PLAY®, giusto perché era diventato di moda e di fatto svilendo il metodo. L’obiettivo della fest è quindi anche quello di fare chiarezza e garantire uno standard per i consulenti e anche per le aziende che intendono utilizzare questa metodologia.

Un programma ricco di eventi

LSPFest dura una settimana con un programma ricco e dedicato a persone con diverse competenze, cerco qui di sintetizzarlo per bene. Tra il 17 e il 20 ottobre si terrà il primo training per facilitatori LEGO® SERIOUS PLAY® in lingua italiana, evento già sold out da un po’. Per questo motivo Cocoon Projects sta organizzando un’altra sessione per febbraio; per info, chiedete direttamente a loro da qui. Giovedì si riunirà la comunità dei facilitatori del Mediterraneo: tutte persone che hanno a che fare con LEGO® SERIOUS PLAY® e lavorano nell’area del, manco a dirlo, Mediterraneo. Hanno un account twitter, e il loro sarà l’unico evento della fest in lingua inglese. Venerdì invece sarà una giornata a porte chiuse dedicata ai media e a personalità invitate appositamente per conoscere in tutta tranquillità la metodologia. Infine sabato e domenica si terrà la Fest aperta a tutti: «un evento basato su laboratori con solo due talk, uno all’inizio e l’altro alla fine».

«Un buon modo per conoscere questa metodologia»

Inutile dire che l’evento è aperto anche a chi non ha mai sentito parlare di LEGO® SERIOUS PLAY®, anzi «è un buon modo per conoscere questo metodo» sottolinea Stelio. Per chi invece conosce già la metodologia la Fest è una occasione per entrare in contatto con altre persone che la usano e avere la possibilità di scambiarsi pareri e consigli.
Tutte le informazioni sull’evento sono su lspfest.com e sul sito di Cocoon Projects.


Con Smartwork vai alla LSPFest gratis!

Fino al 3 ottobre Smartwork ti fa andare gratis alla LSPFest. Basterà realizzare una spiegazione della metodologia LEGO® SERIOUS PLAY® e postarla sulla pagina Facebook di Smartwork. È possibile utilizzare testi, video, audio, foto e tutto ciò che la fantasia vi suggerisce. Sbrigatevi, non resta molto tempo!


Beecode, Digital Magics Bari investe nel passaparola digitale

beecodeA inizio settembre Digital Magics Bari ha annunciato il lancio di Welabs, startup pugliese che ha creato Beecode. La piattaforma è uno strumento di marketing che automatizza il passaparola digitale. Lo definisce così Ernesto Carracchia, il CEO di Welabs, che ai nostri microfoni spiega come Beecode riesce a rendere virale il messaggio tra gli utenti. Questo passaparola si regge su un sistema di ricompense stabilite da chi decide di realizzare la campagna.

Marketing per gli eventi

Particolare non da poco: Beecode nasce per la promozione degli eventi reali e virtuali: «Al momento abbiamo deciso di rivolgerci a questa fetta di mercato – dice Ernesto – ma nei nostri piani c’è la volontà di allargarci anche ai brand». Usare Beecode è molto semplice: basta richiedere l’accesso alla demo dal sito beecode.it e creare la propria campagna marketing.


Luca Barboni ci fa conoscere il Growth Hacking

luca-barboniCome avete certamente letto dai nostri canali social, la scorsa settimana siamo stati a Maratea per Heroes. Start Me Up si è occupata di trasmettere le traduzioni inglese/italiano realizzate da Woomnia attraverso un canale dedicato. Abbiamo anche seguito dei laboratori: ha suscitato il nostro interesse quello sul Growth Hacking tenuto da Luca Barboni, ospite che chiude questa prima puntata della nuova stagione di Start Me Up.
Luca spiega ai nostri microfoni come il Growth Hacking scardini l’idea tradizionale di marketing perché abbatte le barriere tra «la creazione del prodotto e la comunicazione e la vendita ad esso collegata», dice nell’intervista. Anche per questo motivo il Growth Hacker deve conoscere un po’ di design, di linguaggio di programmazione e soprattutto deve essere disposto a sperimentare continuamente.

Una metodologia usata anche da Hotmail e Paypal

Questa metodologia è stata utilizzata con successo da giganti come Hotmail e Paypal perché permette di risolvere forse uno dei più grandi problemi del marketing tradizionale. Spesso ci si preoccupa di acquisire nuovi clienti, ma non si sa come gestirli nel caso dovessero sorgere problemi. Grazie al Growth Hacking – e uno schema sviluppato da 500 Startups – si è invece in grado di monitorare questo rapporto e in caso agire su più livelli.

Per saperne di più sul Growth Hacking

Luca si è avvicinato al Growth Hacking proprio quando ne aveva bisogno, mentre lavorava come marketing manager per Atooma e adesso ha intrapreso un’opera di evangelizzazione. L’8 e il 9 ottobre terrà infatti a Milano un corso intensivo sul Growth Hacking. Durante l’intervista gli abbiamo chiesto anche quali fossero a suo avviso i libri da leggere per saperne di più. Luca ci ha così consigliato:

  • Partire Leggeri di Eric Ries, traduzione italiana di Lean Startup (lo trovate su Amazon)
  • Growht Hacker di Ryan Holiday, la cui traduzione in italiano non esiste, ma potete comunque acquistare quella originale su Amazon.

Infine Luca ci ha consigliato di visitare la sua pagina su growth-hacking.zeef.com dove negli anni ha raccolto link con approfondimenti e casi studio sul Growth Hacking.

La foto di Luca è stata presa qui.