Il podcast per dare voce a aziende e istituzioni culturali

Che il podcast sia ormai un mezzo sdoganato e alla portata di tutti non è un mistero. Chi frequenta questo mondo da un bel po’ se ne è accorto. Ma anche i non appassionati hanno visto quanto sia cresciuta l’offerta dal punto di vista dei contenuti a cui è possibile accedere (personalmente sapevo che era stata superata una certa linea di demarcazione quando ho visto il podcast sui parrucchieri).

Quello dei podcast quindi è un mondo popolato ormai non solo da indipendenti: parecchie aziende producono dei propri format, vedendo in questo mezzo oltre a un fenomeno di costume, un modo per raggiungere un pubblico sempre più rinchiuso nella propria bolla.

Branded Podcast: dal racconto alla promozione, come “dare voce” a aziende e istituzioni culturali

Seguendo questa scia, l’auspicio è che anche gli enti culturali possano emulare questa stessa strategia e adottare i podcast nella propria strategia di comunicazione. C’è chi già lo fa e lo fa bene, chi invece lo fa con risultati mediocri e chi non lo fa per niente. Ecco soprattutto per gli ultimi due gruppi (ma anche un po’ per i primi) è stato scritto Branded Podcast.

Branded Podcast è un libro corale che mostra tutti i vantaggi che il podcast offre alla comunicazione culturale.  Questa tesi è avvalorata spaziando tra generi narrativi diversi, illustrando le tecniche di promozione di uno show, ma soprattutto attraverso esempi concreti, numeri, e esperienze dirette.

Gli autori di Branded Podcast

Gli autori di “Branded Podcast” durante la presentazione del libro durante il Festival del Podcasting 2020

Come dice la curatrice Chiara Boracchi, giornalista, speaker radiofonica, membro di Archeostorie® e ovviamente podcaster: “Per quanto possa sembrare bizzarro, parlare dei valori di un’azienda o di un museo non è molto diverso, se si hanno storie interessanti da narrare. E da qualche tempo si è scoperto che lo strumento migliore, più innovativo ed efficace per raccontarle è proprio il podcast.”

Raccontare l’innovazione sociale e culturale in podcast: l’esperienza di Start Me Up

Per rendere questa tesi ancora più evidente l’autrice si è fatta supportare da alcuni podcaster indipendenti. All’interno del volume è possibile trovare i contributi di Sebastiano Paolo Righi, Cinzia Dal Maso, Marco Cappelli, Gaia Passamonti, Andrea W. Castellanza, Rossella Pivanti, Francesco Tassi e il mio, Fabio Bruno.

In Branded Podcast ho raccontato infatti la genesi di Start Me Up e il ruolo che questo podcast nel tempo si è ritagliato. Vista anche la tesi esposta nel libro, ho cercato di evidenziare le peculiarità di un prodotto come Start Me Up nato come testimone diretto dell’innovazione sociale, culturale e tecnologica del Sud Italia. Un ruolo che nel tempo è cambiato così come il ruolo dell’innovazione al Sud Italia che, perdendo l’entusiasmo dei primi anni ’10 del Duemila, ha modificato il suo impatto nella vita e nel lavoro delle persone che vivono in questa parte di Italia.

Di tutto questo ne ho parlato insieme a Chiara Boracchi una settimana fa circa ai microfoni di Strategia IT di Riccardo Mancinelli.

Player Strategia IT pyer podcast

Clicca sull’immagine per ascoltare il podcast

Branded Podcast: info utili.

È possibile acquistare Branded Podcast nelle principali librerie, su Amazon o con uno sconto del 5% direttamente dal sito della casa editrice.

Branded Podcast è il terzo libro di Archeostorie®, think tank di professionisti della comunicazione che studia e sperimenta strategie per una comunicazione dei beni culturali sempre più precisa, coinvolgente e fuori dagli schemi.

Il Sud Italia come non lo avete mai ascoltato



Tra due settimane si torna in podcast. A partire da novembre, per due volte al mese, pubblicheremo le storie di chi al Sud Italia sperimenta nuovi modelli lavorativi, sociali e culturali.

Ci apprestiamo a inaugurare questa settima (!!!) stagione di Start Me Up in uno scenario inedito: in un mondo sconvolto dalla pandemia abbiamo scoperto il South Working e prima che la Covid-19 ci cogliesse tutti di sorpresa il Governo Italiano aveva lanciato il Piano per il Sud. Sembra quindi che Sud Italia sia tornato finalmente al centro del dibattito nazionale.


Ascolta Start Me Up dove e quando vuoi


Start Me Up ha fatto umilmente la sua parte, raccontando in questi anni le storie di chi al Sud Italia vive e lavora. Continueremo a farlo anche nei prossimi mesi, attenti ai cambiamenti e alle sfide che ci troveremo davanti. Lo scopo è sempre duplice: da un lato sostenere chi porta avanti iniziative di valore al Sud Italia e dall’altro offrire spunti e ispirazione per chi vuole e non sa se e come passare all’azione. Per loro e per tutti voi è pensato questo podcast.

Come si ascolta Start Me Up

Ascoltare Start Me Up è facile e gratuito: basta cercarlo su Spreaker, Spotify, Apple podcast, Google podcast o sulla vostra piattaforma di podcasting preferita. Abbonatevi e ogni due settimane riceverete una storia direttamente sul vostro device preferito.

Una storia che arriva da un Sud Italia che non avete mai ascoltato.

Foto di Alireza Attari via Unsplash

#24.radiosmu del 21 maggio Giftsitter, 012factory e Startup Weekend Siracusa

Le startup nascono per risolvere i problemi più disparati e da manuale, più settorializzato sei, allora più speranza di riuscita hai. Devono aver seguito questo obbiettivo Sergio Serafini e soci quando hanno pensato a giftsitter.com, portale nato per aiutare chi volesse aprire una lista regalo in occasione di una festa. Il punto era rendere autonomo il festeggiato dal punto vendita (il portale ha il compito di raccogliere i soldi che poi chi riceve il regalo potrà spendere dove vuole) e velocizzare la raccolta delle quote da parte degli invitati che può essere fatta autonomamente dal proprio pc. E Giftsitter ha di fatto centrato entrambi gli obiettivi, al punto che adesso sta allargando il proprio raggio di azione all’intero mondo degli eventi. Di qui a poco nascerà infatti Partysitter, un portale in cui tutti i professionisti che ruotano attorno al mondo delle feste (dj, camerieri, animatori, ecc.) avranno una loro pagina e potranno essere così selezionati dagli utenti del sito. Attualmente è in corso il recruitment dei professionisti per la banca dati del portale. Se lavori in questo settore, fatti avanti!
Passiamo poi a Caserta dove da un paio d’anni è attiva 012 factory, un centro di contaminazione per l’innovazione alle imprese. Fondata da alcuni imprenditori con esperienze e competenze diversificate, 012 factory offre una serie di corsi (tutti elencati qui) in nome della contaminazione, un vero e proprio elemento fondativo del centro. Lo racconta ai microfoni di Start Me Up uno dei founder, Gianluca Abbruzzese, secondo ospite di questa puntata.
Finiamo la puntata consigliandovi un evento che a mio avviso non dovreste perdere: lo Startup Weekend Siracusa “Change makers”. Impact Hub e Youthub Catania organizzano una versione dedicata alla social innovation dell’ormai noto format dedicato a chi vuole fare impresa in 54 ore. La versione sociale è stata sperimentata lo scorso anno in una favela brasiliana, durante la quale gli aspiranti imprenditori si sono sfidati nella creazione di aziende che avessero una vocazione sociale e non meramente economica. Questo e tanto altro ce lo racconta Mirko Viola, organizzatore e terzo ospite di questa puntata di radiosmu. Lo startup weekend si svolgerà a Siracusa tra il 12 e il 15 giugno e il tema sarà l’acqua. Sono in corso le iscrizioni, secondo me non dovreste perderlo, ma mi pare di averlo già scritto.


Cosa rende un’infografica poco efficace? Ogni lunedì un'infografica per farvi riflettere una settimana intera

Andiamo un po’ al cuore della vostra rubrica preferita del lunedì e vi linkiamo l’infografica realizzata da Erin Pritchard per Vertical Measures.

Si parla proprio di infografica e di tutti gli accorgimenti da adottare  per renderla più efficace. Accostamenti di colori, stile del font e tipo di layout. fate conto che se la rendete molto accattivante, potrebbe diventare protagonista di un post di #lunedinfografica. Vale la pena impegnarsi un pochetto, no?
What Makes An Infographic Bad & How To Make It Better [INFOGRAPHIC]
Infographic by Vertical Measures