14. Smart working: mettere al centro il benessere di chi lavora



L’ospite di questo podcast ha deciso di puntare tutto sullo smart working. Se state pensando al lavoro da remoto state considerando solo una parte del tutto. E allora dovete ascoltare l’intervista a Francesco Biacca di Evermind, soprattutto se – come Francesco – siete convinti che il lavoro non debba essere qualcosa buono solo a farti arrivare uno stipendio a fine mese.

È lo smart working, bellezza…

8 anni fa Francesco ha deciso che lavorare all’interno di una azienda non gli bastava più. Ha perciò investito insieme a un gruppo di persone in quello che più gli piaceva: un lavoro che mettesse al centro il benessere della persona. Crea così Evermind una azienda che si occupa di sviluppo software, strategie digitali, digital innovation, brand identity e formazione. La particolarità sta nel definire Evermind una smart working company: una società cioè che attraverso un uso sapiente della tecnologia e delle risorse valorizza il benessere dei propri lavoratori.

la citazione di Francesco sullo smart working

Questo permette a Francesco di vivere a Nicotera, in Calabria. Ci si è trasferito dopo 15 anni di vita a Roma e ai nostri microfoni dice che non tornerebbe indietro. Francesco si definisce un calabrese di ritorno, un fenomeno attuale quasi quanto quello della fuga dei cervelli, e grazie alla tecnologia e una rigorosa organizzazione riesce a lavorare con colleghi e clienti in tutta Italia.
È lo smart working, un concetto che Francesco snocciola domanda dopo domanda in questo podcast: dalle sue parole traspare la volontà di vivere pienamente una condizione lavorativa che certamente non è esente da difficoltà, ma che permette a chi la vive di godere di benefici spesso anelati da chi svolge mansioni per otto ore in un ufficio in una grande città. Si tratta quindi di qualità della vita, che ha un costo sia chiaro, ma che sentendo parlare Francesco ha un ritorno ben più grande.

Restituire al territorio la propria bellezza: il festival dell’ospitalità

Nell’ultima parte dell’intervista con Francesco non possiamo non citare il festival dell’ospitalità, un format che Evermind organizza dal 2015. È il modo che questa azienda ha di restituire qualcosa al proprio territorio, spiega Francesco. Un festival che parla volutamente di ospitalità e viaggiatori e non di semplici turisti perché è dedicato alla lentezza dello scoprire i luoghi e i piccoli borghi di Calabria. Un metodo che anno dopo anno riscuote sempre più consensi.
Da qui parte una riflessione sul comparto turistico soprattutto del Sud Italia e di possibile strategie per valorizzare quello che spesso è stato identificato come il petrolio di questi territori. Francesco, dalla sua esperienza, ha un’idea ben precisa che viene fuori da questo podcast che ovviamente vi invitiamo a ascoltare per intero.


Iscriviti a Satispay con il codice promo STARTMEUP e ottieni 5 euro sul tuo account! Per info e dettagli, clicca qui.

Fai la tua donazione a Start Me Up su Patreon o Satispay.

Commenta questo podcast sul gruppo facebook di Start Me Up.

foto di copertina Sabri Tuzcu via Unsplash

Filippo Nicosia – Pianissimo libri Innovare è trovare nuove risposte a problemi vecchi

L’innovazione a volte sta nel risolvere in maniera semplice un problema serio, che sembra essere insormontabile. Una cosa simile all’uovo di Colombo, aggirare le regole per ottenere un risultato insperato. La Sicilia non legge perché tanti libri non vengono distribuiti in maniera adeguata? Filippo risolve il problema con un Fiat 900 Panorama, alcuni librai e trecento titoli di volumi pescati tra gli editori indipendenti italiani. Il risultato è Pianissimo – libri sulla strada, che, una volta partito, sembra non volersi fermare più…

Le canzoni:

Mr & Mrs Smith – End of the ride
Derek Clegg – I Can Do Better