Start Me Up speciale World Radio Day Puntata speciale del live show in occasione della manifestazione indetta dall'UNESCO

Start Me Up insieme a Radio Street Messina vuole celebrare il World Radio Day, manifestazione promossa dall’UNESCO che ogni anno celebra questo mezzo di comunicazione. Il tema di quest’anno è dedicato alle emergenze e alla capacità che questo mezzo ha di salvare vite umane e mantenere la libertà di espressione dei più deboli. Proprio in quest’ottica abbiamo pensato a una scaletta che potesse includere realtà che testimoniano e preservano questi diritti.

Avremo ospite Paola Suraci di Immezcla, webmagazine dedicato all’immigrazione sul Mediterraneo. Insieme a lei parleremo del ruolo dell’informazione sui migranti spesso faziosa e legata a ideologie, accendendo un faro su quelle che sono le reali esigenze di queste persone che decidono di attraversare questo mare in cerca di un futuro migliore. Immezcla è anche una banca del tempo e insieme a Paola cercheremo di capire come funziona; inoltre ci sarà modo di parlare del Premio Internazionale di Letteratura della Migrazione Fabula e intreccio, promosso dal giornale.

Daremo poi spazio a chi la radio la usa per accrescere il senso di comunità e dare voce agli ultimi. Avremo infatti Akhet Tewende, speaker di Radio Ghetto, web radio  che ogni estate dà voce ai braccianti africani del Gran Ghetto di Rignano Garganico in provincia di Foggia. Dal 2012 i braccianti lavorano nei campi e la sera accendono il microfono e si ritrovano a discutere delle condizioni di vita e di impiego nelle campagne, si ascolta musica e radio-giornali, si condividono le problematiche relative al proprio personale percorso migratorio e alla vita quotidiana in Italia. La radio è nata grazie all’impegno della Rete Campagne in Lotta che ha portato tutta la strumentazione sul posto e ogni estate è viva grazie al lavoro dei braccianti e degli attivisti e i volontari.

Infine chiudiamo in casa perché arriviamo a Barcellona P.G. in provincia di Messina per incontrare Nicola Isgrò tra i fondatori di Radio Sprar, “a place for fun”. L’emittente nasce dal laboratorio gestito dalla cooperativa I girasoli onlus che gestisce lo Sprar di Barcellona Pozzo di Gotto dove sono accolti 37 immigrati. La radio ogni martedì e giovedì propone musica e informazione dando voce al mondo intero.